Tutte le ricette del Bimby in tasca

La dinamica coppia Frezza&Isidori entra a sorpresa anche nel mondo della culinaria con iBimby 1.0 su iPhone; dedicato ai possessori di “iPhone e Bimby”, il popolare elettrodomestico da cucina distribuito da Vorwerk.
L’applicazione, per iPod touch e iPhone, contiene un database con oltre 1800 ricette di alta qualità, di tutti i tipi e per tutti i gusti, scritte specificamente per il Bimby. iBimby è un ricettario essenziale, preciso e affidabile. Le preparazioni descrivono esattamente tutti i passaggi e tutte le impostazioni da effettuare: pesi, temperature, tempi e velocità.
Per trovare rapidamente una ricetta è sufficiente inserire nel campo di ricerca il nome, oppure cercando una qualunque combinazione di parole. Su ogni ricetta è inoltre possibile inserire liberamente le proprie note creando facilmente il proprio elenco di ricette preferite.
Effettivamente chi ha un Bimby non può perdersi questa applicazione! La comodità di avere a disposizione così tante ricette direttamente in cucina è ineguagliabile! Le ricette raccolte nell’applicazione sono ideate e trascritte da appassionati del Bimby e liberamente diffuse sul web. Chi invece non ha ancora l’iPhone, ma vuole comunque usufruire delle ricette, può visitare il sito www.malg.it dove può trovare lo stesso ricettario al quale hanno attinto, con un reciproco accordo, gli sviluppatori di iBimby.
iBimby 1.0 per iPhone e iPod touch costa 2,99 euro, ed è reperibile, logicamente, alla pagina apposita dell’App Store.

Prontuario Tascabile: basta un poco di zucchero

iFarmaci è un’interessante applicazione per iPhone che, ormai stabilmente al primo posto nella categoria Medicina, consiste in un vero Prontuario Portatile per Medici, Farmacisti ed addetti alla Sanità.
Il database comprende circa 9.000 farmaci in più di 30.000 formulazioni. La ricerca può avvenire per 1- Principi attivi, 2- Nomi commerciali, 3- Apparato d’organo, 4- Aziende Produttrici. Le schede comprendono Indicazioni, Controindicazioni, Posologia, Interazioni con altri farmaci. È possibile “taggare” un farmaco creando una lista di preferiti, aggiungere note ad un farmaco, ed inviare note per e-mail. Un piccolo bug riguarda la chiusura improvvisa dell’applicazione se si digita sulla “nota AIFA” corrispondente al farmaco, ma basta cliccare solo sulla “i” di Informazioni adiacente, ed allora si evidenzia una finestra a comparsa con la Nota corrispondente. Attualmente è disponibile nella Versione 1.20, ma certamente altre ne verranno. È anche disponibile un utile numero di assistenza telefonica. Alcuni utenti lamentano la mancanza di dati più specialistici come farmacodinamica o farmacocinetica, ma questo non e’ un trattato di Farmacologia, bensì un completo Prontuario Farmaceutico Tascabile.
Sono disponibili informazioni aggiuntive del prodotto e dell’azienda su www.infofarmnet.it o su ifarmaci.blogspot.com, il download logicamente si effettua dall’App Store di iTunes ed inoltre il 10% va in beneficienza ad Emergency… E accattateville!

Tutta la Legge nel tuo iPhone

L’agenzia Web Intermundia, già presente su iTunes con Costituzione, Civile e Penale, ci informa della disponibilità immediata del nuovo Codici e Leggi; un prontuario aggiornato, pratico e completo, appositamente pensato per professionisti e studenti di giurisprudenza, che raggruppa in un’unica applicazione tutti i Codici e le Leggi fondamentali della giurisprudenza italiana.
Seguono alcune delle funzioni di spicco dell’applicazione realizzata dalla software house torinese: Indice dei libri, ricerca per articolo (9.652 articoli), ricerca libera (su 1.3 milioni di parole), possibilità di memorizzare gli articoli nella sezione Preferiti, possibilità di spedire l’articolo selezionato via mail, pulsanti di scorrimento veloce degli articoli, ed infine collegamenti ipertestuali agli articoli correlati in Costituzione, Codice Civile, Codice di Procedura Civile, Codice Penale, Codice di Procedura Penale.
Codici e Leggi include: Costituzione, Codice Civile, Codice di Procedura Civile, Codice Penale, Codice di Procedura Penale, Codice degli appalti, Codice della nautica, Codice della privacy, Nuovo codice della strada, Codice dell’ambiente, Codice delle Assicurazioni private, Legge sul procedimento amministrativo, Legge fallimentare, Legge sul diritto d’autore, Legge Biagi, Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato,Statuto dei lavoratori, T.U. degli Enti Locali, T.U. sulla sicurezza sul lavoro, T.U. sull’immigrazione.
Il software è disponibile per il download presso l’App Store di Apple, al prezzo di 19.99 euro.

Educare i figli giocando con l’iPhone

Paolo Padrini, ormai famoso per il suo iBreviary, ci comunica che con un tempismo perfetto è appena stato rilasciato in App Store, ed in una versione tutta Natalizia (anche nel prezzo), la nuova applicazione educativa tutta italiana Fantasy Park.
L’applicazione è una suite, composta attualmente da due minigiochi, realizzati appositamente per educare i bambini… giocando.
Questa è la novità di questa applicazione: non solo un gioco che punti sull’agonismo, e neppure una semplice applicazione educativa per i nostri bambini. Fantasy Park è tutte e due le cose insieme. Una applicazione intuitiva, semplice ed allo stesso tempo avvincente, che attraverso il gioco, passa ai bambini messaggi importanti.
Il primo gioco si chiama Enchanted Pont (il laghetto incantato): un gioco “tocca e centra”, in stile luna park, attraverso il quale i bambini possono imparare ad amare la natura, a rispettarla. Il gioco, ambientato in un laghetto, appunto, fantastico ed incantato, aiuta i bambini nello stimolo della manualità, nella visione dei colori e nella concentrazione.
Il secondo gioco si chiama Greedy Mountains (Montagne golose). Il bambino dovrà, in una sorta di “tap tap alimentare”, prendere i vari cibi che scendono dalle montagne russe. Attraverso vari livelli il bambino potrà imparare a mangiare molta frutta, a lavarsi i denti, a fare attività fisica, ecc…
Fantasy Park, vogliamo ricordarlo, è un progetto editoriale importante, che ha ricevuto già il plauso di diverse associazioni che lavorano per i bambini, e l’apprezzamento di educatori e pedagoghi.
È un gioco utile non solo ai bambini ma a tutta la famiglia. Con esso infatti si divertiranno tutti: genitori e figli e soprattutto…si divertiranno insieme. Non solo un gioco per “parcheggiare” i figli, ma una splendida avventura educativa da vivere insieme!
Fantasy Park costa appena 0,79 euro ed è disponibile per il download direttamente dall’App Store di iTunes.

Emulatore di display per iPhone

LEDit è un emulatore di display orizzontali a LED colorati realizzato per iPhone ed iPod touch; è un ottimo strumento per comunicare un messaggio ad amici a distanza quando non possono ascoltarli o parlarvici, come, ad esempio, in discoteca, in aula, durante riunioni e situazioni simili. Tutto ciò che bisogna fare è scrivere il messaggio e toccare il pulsante ‘Mostra Messaggio’: LEDit farà scorrere il proprio messaggio sul display. Ciò che lo rende anche divertente è la possibilità di far vibrare il dispositivo al termine dello scorrimento del messaggio (su iPod touch, privo della vibrazione, verrà emesso un suono).
Gli utenti affermano che LEDit è la migliore applicazione banner in commercio. Caratteristiche principali: colori selezionabili, velocità selezionabile, vibrazione a conclusione dello scorrimento del messaggio, ripetizione (lascia scorrere il messaggio in continuazione, divertente interfaccia ad alta fedeltà, possibilità di registrazione in archivio dei messaggi, nessun limite nella lunghezza dei messaggi.
È disponibile anche un filmato dimostrativo per apprezzarne le funzionalità.
LEDit costa soltanto 0,79 euro, ed è acquistabile partendo dal sito di Italiaware dell’amico Massimo Rotunno o direttamente dall’App Store in iTunes.

Le opere liriche sull’iPhone

Ammettere che questa applicazione per l’iPhone/iPod Touch sia un po’ di nicchia, è il minimo. Tuttavia meritevole di segnalazione per almeno un paio di buoni motivi: avvicinarsi all’arte, e farlo con le cose migliori, è sempre un bene; scaricare un software realizzato da uno storico amico napoletano de iMaccanici è quasi obbligatorio.
OperaBook è una semplice applicazione, che vi presentiamo in anteprima assoluta, sviluppata per permettere di consultare, in maniera intuitiva ed immediata, i libretti e le informazioni delle opere liriche di compositori italiani e stranieri. L’applicazione è organizzata in maniera tale da mostrare un elenco alfabetico delle opere presenti in archivio; inoltre è possibile consultare l’elenco dei compositori, ad ognuno dei quali sono associate le opere in catalogo da egli stesso composte. Infine è presente un elenco di teatri d’opera, ai quali sono associate alcune informazioni, tra le quali le opere rappresentate in prima assoluta.
Il software di Pasquale Matrisciano, in arte Pask, include nel suo catalogo le seguenti opere: Aida, Cavalleria Rusticana, Così Fan Tutte, Don Pasquale, Falstaff, Gianni Schicchi, I Puritani, I Vespri Siciliani, Il Barbiere Di Siviglia, Il Tabarro, Il Trovatore, L’Elisir D’Amore, L’Italiana In Algeri, La Bohème, La Clemenza Di Tito, La Fanciulla Del West, La Forza Del Destino, La Rondine, La Traviata, Le Villi, Lucia Di Lammermoor, Luisa Miller, Macbeth, Madama Butterfly, Manon Lescaut, Maria Stuarda, Nabucco, Norma, Otello, Pagliacci, Rigoletto, Suor Angelica, Tosca, Turandot e Un Ballo In Maschera.
OperaBook costa appena 2,39 euro, e si pone in diretta concorrenza con un altro software presente sull’App Store (di Intermundia), che però costa la bellezza di 27,99 euro.

Il social-navigatore

Oggi ho scaricato questa App dallo Store: si chiama Waze e si presenta sotto forma di un’accattivante automobila-nuvoletta.
Ma cos’è? Assolutamente GRATUITO, è l’incrocio tra un social-network ed un navigatore satellitare per auto. Non dispone, infatti, di mappe, ma le “crea” man mano che gli utenti percorrono le strade di loro interesse e le modificano su internet, dando loro un nome o raccordandole, magari in punti in cui il navigatore ha perso il segnale.
Forse il sistema è un po’ macchinoso e comporta, soprattutto adesso che il programma è distribuito in Italia solo da pochi giorni, che per gran parte del viaggio voi vediate sullo schermo dell’iPhone solo l’iconcina raffigurante la vostra auto e la “scia” che lascia.
Eh, già: perchè da quel poco che ho capito dal tutorial in inglese, mi è sembrato di dedurre che la strada viene “comunicata” agli altri utenti (e quindi comincia ad essere visualizzata) solo dopo che almeno due utenti vi siano passati sopra: per il resto, voi siete un po’ come il Magellano della situazione (quindi, per ora non può essere usato in senso tradizionale: vale a dire,per raggiungere posti o località che ci siano assolutamente ignoti).
Al momento, la città “tracciata” più a sud è Firenze (ma sono indicate sul sito del progetto: waze.com), ma più si è, meglio è.
La parte bella della App, però, sta nel fatto che ogni utente può segnalare agli altri autovelox, incidenti, traffico o anche solo chattare o farsi trovare, deviazioni, anche con foto…
…insomma, diciamo che è un modo un po’ più attivo di usare un navigatore, con il gusto speziato della scoperta ed il sapore dolce dell’assoluta gratuità.