Sistema hardware per backup

Problemi con il Mac, componenti o periferiche

Moderatore: ModiMaccanici

franz.bianchi
Maccanico assiduo
Maccanico assiduo
Iscritto il: dom, 15 set 2013 18:47
Messaggi: 137
Oggetto del messaggio: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: mer, 03 gen 2018 18:39

Ciao. Riprendo la domanda che avevo fatto in un post di un altro Utente, rimasta senza risposta. Vorrei ottimizzare il mio sistema hardware per i backup di dati e sistema, ecco come sono strutturato: utilizzo un hd esterno La Cie da 4 TB con due partizioni, una da 3 e una da 1 Tb. Su quest’ultima faccio backup in exFat delle sole librerie della partizione da 3 TB, tramite Carboncopy ( ho un iMac 27 con solo SSD interno dedicato a OS e APP). Poi con un normale Verbatin da 2TB utilizzo TimeMachine per backup di tutto (librerie e OS).
Il problema è che se mi si rompe il LACIE potrebbe andarsene anche la partizione exFat e quindi sono in cerca di una soluzione diversa.

Cosa più facile:

- togliere partizione sul LACIE e usarlo tutto come HDD di lavoro (devo formattare tutto il disco immagino)
- utilizzare un secondo LACIE da 4 TB da usare come TimeMachine
- utilizzare un terzo LACIE da 2/3 TB da usare come exFat e buttare il Verbatin che è vecchiotto.

Parlo di LACIE perché mi pare funzioni bene e sia affidabile, ma se avete altro di meglio dire pure. Preciso che l’HDD in questione non è thunderbolt ma un semplice usb 3.0.

Altra possibilità:

- il fantomatico NAS

mi spiegate come funziona? Quale? Quanti dischi hanno? Cosa è il raid?

Vorrei avere a disposizione sia dati journaled che exFat in modo da poter recuperare i dati per utilizzo in emergenza su pc, mentre ripristino il Mac.

Grazie. Ciao.
Uno_qualunque
Expert
Expert
Avatar utente
Iscritto il: lun, 12 lug 2010 09:32
Messaggi: 2986
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: mer, 03 gen 2018 20:08

Un po' di considerazioni sparse:

- Meglio non dedicare lo stesso disco ad un uso 'misto' dati+backup. Fare il backup dei dati su un'altra partizione è praticamente inutile, se si rompe il disco sei comunque fregato.
- Meglio avere un backup che sia fisicamente separato e lontano dal computer, in caso di vero disastro c'è più probabilità di salvare il computer o i dati (pensa a acqua, fuoco, furto...)
- I dati di un backup non devono essere acceduti come se fossero cartelle da cui si legge o si scrive abitualmente, non è corretto. Un backup dovrebbe essere un set intero, coerente e protetto di dati, 'fotografato' in un determinato momento. E' corretto accedervi per recuperare un solo file, ad esempio, ma non usarlo per mettere-togliere-aggiornare etc...

Ha senso dedicare uno o più dischi esterni da scrivania a supporto, come archivio dati, ma poi questi, assieme al disco interno, andranno salvati su un altro mezzo.

Ecco dunque che arriva il NAS. Un oggetto connesso in rete, che può essere messo in un'altra stanza della casa (in genere è meglio, come detto sopra).

Il NAS ha una certa flessibilità, se lo prendi a 4-5-6 slot lo puoi configurare con una ulteriore sicurezza in più, il RAID di cui chiedi (ne parliamo più sotto). Inoltre i NAS dell'ultima generazione sono molto versatili ed offrono un sacco di servizi oltre al backup, tra cui virtualizzazione (sono in pratica come un altro pc, su cui puoi far girare altri sistemi operativo), media player, centrale di sorveglianza etc... inoltre accedendo da rete, puoi non preoccuparti del formato di inizializzazione del disco (dei dischi), perché lo gestisce lui e i computer vi accedono tramite i protocolli di rete.

Come 'difetto' hanno che se devi ripristinare un backup completo ci possono volere molte ore, visto che vanno alla velocità del collegamento LAN che ovviamente non è paragonabile al Thunderbolt o USB3.

RAID: è un sistema che consente, con un numero adeguato di dischi di garantire una certa 'sicurezza' dei dati, in termini di riduzione di rischio della loro perdita per guasti meccanici.

Ce ne sono di diversi tipi (per quanto mi ricordo, ti faccio un sunto brevissimo dopo aver dato qualche occhiata a conferma su https://it.wikipedia.org/wiki/RAID" onclick="window.open(this.href);return false;):

Raid 0 (o striping): Costituito da minimo due dischi, distribuisce pezzetti di file su tutti i dischi che costituiscono il set. Ha il pregio di essere veloce, di usare in modo efficace tutto lo spazio a disposizione e il difetto di perdita totale di tutti i dati se si rompe un solo disco del set.
Raid 1 (o mirroring):Costituito da minimo due dischi e comunque da un numero pari di dischi, salva i dati su un disco e poi lo copia tale e quale sull'altro. Ha come pregio quello di garantire un po' più di sicurezza in caso di rottura di un disco, ma se un dato per qualche motivo viene involontariamente cancellato su uno dei due, presto la sincronizzazione si cancella anche sull'altro (motivo per cui una configurazione RAID NON deve essere considerata alla stregua di un backup). Non è molto efficiente in termini di uso dello spazio disco, ovviamente devi considerare che lo spazio disponibile è dimezzato rispetto ai dischi che si hanno.

Questi due tipi di raid possono essere combinati fra loro (0+1) o (1+0) ovvero con 4 dischi, su due si fa striping e poi li si mette in mirror in coppia, oppure si fa un mirror fra due e poi lo si mette in striping con altri due.

Raid 3: Prevede una certa ridondanza dei dati, ma io non l'ho mai visto implementato, non lo teniamo in considerazione.
Raid 4: idem come sopra.

Raid 5: Il più diffuso anche con alcune personalizzazioni da parte di chi fa l'hardware dei controller. Ha bisogno di un minimo di tre dischi e fa sì che i dati vengano scritti su tutti i dischi con in aggiunta l'informazione sulla "parità" che consente di ricostruire il contenuto dei dischi, anche se uno di loro si dovesse rompere (e al crescere dei numero dei dischi, se non erro, se ne possono rompere anche di più). L'efficienza in termini di spazio è ridotta all'incirca di un disco, quello che in caso di rottura può essere sostituito.

Poi ce ne sono altri sempre più sofisticati, sicuri e costosi.

Tornando a noi,

Non so quale sia il volume di dati che tratti. Ma farei in modo che tu abbia sulla scrivania dischi a sufficienza per tenerli a portata per quello che ti serve e poi andrei a prendere un NAS di capacità almeno il doppio del totale e con possibilità di espansione. Su quest'ultimo farei un backup con Time Machine di Mac e dischi esterni.

Marche più gettonate per NAS: Netgear, Qnap, Linksys, Synology, Drobo.

Spero di essere stato esaustivo :-)
Fate il backup, fate il backup, ricordate di fare il backup, non dimenticate di fare il backup.

"Il backup è quella cosa che andava fatta prima" (antico proverbio cinese)
franz.bianchi
Maccanico assiduo
Maccanico assiduo
Iscritto il: dom, 15 set 2013 18:47
Messaggi: 137
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: mer, 03 gen 2018 21:17

Esaustivo a dir poco. Ti ringrazio, ma alla fine non ho capito se consigli un nas con sistema raid luna soluzione più fai da te con dischi di backup esterni. Tieni presente che non ho una LAN quindi forse la scelta è obbligata.
Non ho capito anche perché dici che non è buona cosa fare copia con accesso diretto di cartelle. Io la faccio proprio per poter usare il loro contenuto su un pc Windows in caso di emergenza. Poi con TimeMachine metto al sicuro tutto il resto.
Concordo che la questione della partizione non è una genialata ma al momento mi era sembrata la soluzione più immediata dopo il collasso del Mac, 6 mesi di disperazione con un cassone Windows pagato una follia e che non ha mai funzionato. Ricomprato il Mac non volevo più spendere neanche 20€ aggiuntive.

La massa di dati e os credo si aggiri sui 400/500 GB, forse meno. Dovrei comunque trasporrete il contenuto del LaCie su un secolo nei disco per poi togliere la partizione. Quindi forse mi conviene la soluzione a più dischi esterni. Da quello che ho capito il nas è meglio perché fisicamente separato dalla macchina, presa di corrente, ecc?
Uno_qualunque
Expert
Expert
Avatar utente
Iscritto il: lun, 12 lug 2010 09:32
Messaggi: 2986
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: mer, 03 gen 2018 23:10

Avendo a disposizione una rete, sicuramente prenderei un nas, magari a 4 slot con dischi da 2 Terabyte (che si possono sempre poi sostituire in un secondo momento raddoppiando la capacità, se necessario).

Limiterei i dischi esterni da scrivania ad uno capiente e basta. Poi mi affiderei a Time Machine via rete per fare i backup di mac e disco esterno.

Questa la soluzione che io vedo più razionale, ma il senso della lunga spiegazione era di darti supporto per capire cosa tu ritenga sia meglio, perchè ovviamente io mi baso sulla mia esperienza e uso personale e non posso essere sicuro di aver tutto lo scenario della tua esigenza chiaro al 100% (nonché sull'importanza dei dati e sulla tua possibilità di spesa), su un punto però forse non sono stato abbastanza chiaro.

Io intendevo che un conto è usare un disco come backup, un altro è usarlo per condividere i suoi dati, anche con altre macchine; ecco sono queste due funzioni che ritengo vadano separate nettamente. Ma il disco da scrivania in questo caso fa perfettamente la funzione, se lo formatti ex-fat lo puoi attaccare a mac o a windows oppure (sempre se hai una rete) lo puoi mettere in condivisione fra le due macchine (assicurandoti che il backup lo fai col NAS).

Una alternativa forse più economica ma un po' meno 'robusta' è di dedicare un disco da scrivania ai dati (diciamo 1-2 Tb) e prenderne un altro (diciamo da 4Tb) su cui fare esclusivamente backup di time machine del mac e dell'altro disco. In sunto, un disco solo dati, un disco solo backup.
Fate il backup, fate il backup, ricordate di fare il backup, non dimenticate di fare il backup.

"Il backup è quella cosa che andava fatta prima" (antico proverbio cinese)
franz.bianchi
Maccanico assiduo
Maccanico assiduo
Iscritto il: dom, 15 set 2013 18:47
Messaggi: 137
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: gio, 04 gen 2018 10:18

Ho una rete Wi-Fi non lan e sono anche lontano dal router quindi devo per forza andare wireless.
I dati sono importanti perché si tratta del lavoro degli ultimi 10 anni oltre ai soliti file personali (principalmente foto). Ma il nas non si può collegare direttamente alla macchina?
Per la soluzione con disco da scrivania non è comunque meglio avere dischi diversi per TimeMachine e per i dati exFat? Se ne uso uno solo dovrò comunque dare una partizione e ricado nella situazione che ho anche adesso.
fragrua
Admin of my life
Admin of my life
Avatar utente
Iscritto il: sab, 08 ott 2005 07:00
Messaggi: 55475
Località: [k]issà
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: gio, 04 gen 2018 14:47

Premetto di non aver letto quasi niente, ma vi dico io come metto al sicuro le mie cose.

• Time Machine per tutte le macchine (dischi autoalimentati per la fuga).
• Due HD da 2TB per i file mutlimediali ingombranti.
• Tre HD da 2TB per l'archivio ottimizzato della mia vita digitale (no sprechi). Di cui 2 sincronizzati quotidianamente con Carbon Copy Cloner, e 1 settimanalmente (2TB autoalimentato) sempre con CCC.

Uso tutti i giorni il portatile (Time Machine e DropBox solo per le cose vitali).
Uso sempre meno i fissi (e quella volta che accendo il Mac Pro si avviano le azioni di CCC).

Niente NAS, niente "server" niente di niente, solo connessione diretta la migliore possibile (Thunderbolt, FireWire o USB2/3/c in base alle macchine) e un pizzico di Dorpbox e iCloud.

Se devo scappare (abito vicino al Vesuvio) in 30 secondi sono in moto con tutti i miei dati appresso.

Fine.
La prima cosa su cui devi investire è il benessere del tuo corpo, l'unica cosa che ti porterai nella tomba.
Franz Grua (sarebbe fragrua)

In un mondo perfetto io sarei un essere inutile.
©2015 albertocchio

—> Uso corretto del Forum: https://goo.gl/9xOO0a

Immagine
franz.bianchi
Maccanico assiduo
Maccanico assiduo
Iscritto il: dom, 15 set 2013 18:47
Messaggi: 137
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: gio, 04 gen 2018 17:12

Quindi alla fine la soluzione più brutale potrebbe essere ancora vincente ...
Uno_qualunque
Expert
Expert
Avatar utente
Iscritto il: lun, 12 lug 2010 09:32
Messaggi: 2986
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: gio, 04 gen 2018 18:28

[quote="franz.bianchi]Per la soluzione con disco da scrivania non è comunque meglio avere dischi diversi per TimeMachine e per i dati exFat? Se ne uso uno solo dovrò comunque dare una partizione e ricado nella situazione che ho anche adesso.[/quote]

Assolutamente! Forse non mi sono espresso bene, ma è esattamente quello che penso. Usa due dischi fisicamente diversi.
Fate il backup, fate il backup, ricordate di fare il backup, non dimenticate di fare il backup.

"Il backup è quella cosa che andava fatta prima" (antico proverbio cinese)
fragrua
Admin of my life
Admin of my life
Avatar utente
Iscritto il: sab, 08 ott 2005 07:00
Messaggi: 55475
Località: [k]issà
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: gio, 04 gen 2018 22:13

franz.bianchi ha scritto:Quindi alla fine la soluzione più brutale potrebbe essere ancora vincente ...
Per me sì.
La prima cosa su cui devi investire è il benessere del tuo corpo, l'unica cosa che ti porterai nella tomba.
Franz Grua (sarebbe fragrua)

In un mondo perfetto io sarei un essere inutile.
©2015 albertocchio

—> Uso corretto del Forum: https://goo.gl/9xOO0a

Immagine
Paolofast
Expert
Expert
Avatar utente
Iscritto il: dom, 07 gen 2018 20:00
Messaggi: 929
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: lun, 08 gen 2018 10:48

fragrua ha scritto:• Time Machine per tutte le macchine (dischi autoalimentati per la fuga).
Fuga a parte, io consiglio sempre il disco TimeMachine autoalimentato, sopratutto per i Mac da tavolo collegato direttamente e non tramite hub.
Accendi il Mac, si accende il disco, spegni il Mac, si spegne il disco.
Una volta collegato, formattato ed impostato da TimeMachine, lo si mette in un posto dove non dà fastidio e lo si lascia lì.
Senza pulsanti di accensione che ci si dimentica di accendere, case ed alimentatori ingombranti, ecc.
franz.bianchi
Maccanico assiduo
Maccanico assiduo
Iscritto il: dom, 15 set 2013 18:47
Messaggi: 137
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: lun, 08 gen 2018 10:57

Il disco Time Machine ma anche l'altro sono collegati come dici tu Paolo. Mai avuto problemi. Ringrazio tutti voi, come sempre gentilissimi, mi attrezzerò con dei nuovi dischi esterni visto che il NAS mi sembra non fattibile.

Ciao.
[andrea]
Expert
Expert
Iscritto il: mar, 09 dic 2008 14:17
Messaggi: 2152
Località: Kernel Linux
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: lun, 08 gen 2018 11:22

Premetto di non aver letto quasi niente (soprattutto quello che ha scritto Franz). ;-) :-P

Uso QNAP in rete. Permette backup in raid, tramite software, anche con Time Machine, anche da mobile Android e/o iOS con app specifiche.
Puoi crittografare (cifrare) i dischi di backup.
Puoi collegare anche dischi in serie, a cascata, interni o esterni al NAS.
Puoi togliere e mettere i dischi “a caldo” senza spegnere il NAS QNAP (e portarteli a spasso).
Puoi scegliere quali e quanti dischi o partizioni, dedicare al backup, a Time Machine, etc.
Puoi accedere al NAS da rete esterna (cioè avere un tuo cloud privato e personale).
Puoi aggiungere le funzionalità cloud integrate nel NAS sia proprie che di terze parti.

Per tutto il resto c'è mastercard ;-)
UNIX Live Free or Die!
franz.bianchi
Maccanico assiduo
Maccanico assiduo
Iscritto il: dom, 15 set 2013 18:47
Messaggi: 137
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: lun, 08 gen 2018 11:38

[andrea] ha scritto:Premetto di non aver letto quasi niente (soprattutto quello che ha scritto Franz). ;-) :-P

Uso QNAP in rete. Permette backup in raid, tramite software, anche con Time Machine, anche da mobile Android e/o iOS con app specifiche.
Puoi crittografare (cifrare) i dischi di backup.
Puoi collegare anche dischi in serie, a cascata, interni o esterni al NAS.
Puoi togliere e mettere i dischi “a caldo” senza spegnere il NAS QNAP (e portarteli a spasso).
Puoi scegliere quali e quanti dischi o partizioni, dedicare al backup, a Time Machine, etc.
Puoi accedere al NAS da rete esterna (cioè avere un tuo cloud privato e personale).
Puoi aggiungere le funzionalità cloud integrate nel NAS sia proprie che di terze parti.

Per tutto il resto c'è mastercard ;-)

IO però non ho rete LAN e non posso averla. Tutto WiFi.
[andrea]
Expert
Expert
Iscritto il: mar, 09 dic 2008 14:17
Messaggi: 2152
Località: Kernel Linux
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: lun, 08 gen 2018 11:48

beh il wifi rallenta le operazioni rispetto alla rete lan
ovviamente dipende da quale rete wifi, quindi dal router
se ultima generazione direi che cambia poco
a parte la stabilità del segnale lan rispetto al wifi
comunque a casa il qnap io lo uso in wifi
dagli smartphone e tablet ad esempio per vedere film in alta definizione
per salvarsi le foto, i video, etc...
oltre che per lavoro quando serve
tutto in wifi anch'io a casa
UNIX Live Free or Die!
franz.bianchi
Maccanico assiduo
Maccanico assiduo
Iscritto il: dom, 15 set 2013 18:47
Messaggi: 137
Oggetto del messaggio: Re: Sistema hardware per backup

Messaggio Inviato: lun, 08 gen 2018 22:12

Ciao Andrea. Interessante, ho provato a guardare il sito QNAP ma non ci ho capito molto. Ci sono mille opzioni e io sono un mero utente dello strumento computer. Diciamo che il mio caso è quello a 4 dischi da 2TB(?). Posso dedicarne uno per utilizzo diretto di archiviazione, uno per time machine e due per backup raid? Non ho capito che c’entra la rete wifi. Non lo colleghi direttamente alla macchina?

Mi piace la possibilità di accedere da cloud per le emergenze.

Scusa le domande stupide.
Rispondi