No | Code, apertura ufficiale

Siamo stati all’inaugurazione di No | Code, il primo Apple Premium Reseller della Campania. Ci siamo portati a casa il cappellino commemorativo dello store ed abbiamo pubblicato le foto dell’inaugurazione nella sezione eventi della nostra galleria di immagini. Alcuni dei nostri amici che hanno partecipato all’evento sono rimasti affascinati dalla gentilezza di Stefania, e si sono ripromessi di tornare nonostante la distanza.
C’è chi invece è rimasto semplicemente impressionato dalla professionalità di Gianluca, ma anche dal ricco buffet offerto per l’occasione. 😉

Apple Premium Reseller a Napoli

Il 3 novembre scorso, un piccolo negozio di informatica apriva i battenti a Napoli centro (zona piazza Carità). Tutto regolare se non fosse per quella mela bianca che lo distingue dagli altri, infatti si tratta di un Apple Premium Reseller in piena regola, dedicato al mondo iPod e Mac per assicurare una straordinaria esperienza di acquisto a tutti i clienti Apple, sia nuovi che di vecchia data, insomma una mosca bianca nella nostra regione. Dopo quattro settimane di rodaggio No Code Store è pronto per l’inaugurazione ufficiale, che si terrà sabato 1 dicembre alle ore 18.00, con tanto di catering ed un omaggio destinato a tutti i partecipanti. Sarà certamente numerosa l’affluenza anche dei nostri amici, VIP e non, a testimoniare la passione che ci accomuna per la tanto amata Apple.

È possibile registrarsi alla newsletter di No Code per ricevere costanti aggiornamenti su offerte, novità e promozioni. Lo Store è aperto il lunedì dalle 15:30 alle 19:30 e dal martedì al sabato dalle 10:00 alle 19:30. Foto1,
Foto2,
Foto3,
Foto4,
Foto5.
—OraCle

PS: C’è un articolo in merito su Il Mattino di Napoli e per chi non ha avuto il tempo di comprarlo c’è una copia online consultabile, oppure una nostra scansione della pagina.

Incontro alle falde del Vesuvio

Presenza terrificante e contemporaneamente affascinante, lo “sterminator Vesevo” diventerà il punto di incontro per iMaccanici ed i loro amici la sera del 16 novembre 2007.
Se sei un nostro amico, abiti nei pressi di Napoli, e non hai paura del gigante che dorme, allora approfitta dell’occasione per “bisbocciare”, come dicono al Nord, passando insieme a noi una serata divertente, uscendo dal solito freddo monitor per condividere le nostre passioni comuni, come il Macintosh, il nuovo Leopard, il mangiare in compagnia ed il bere bene.
Non perdere tempo, iscriviti alla MacList e tieniti aggiornato. Ci vediamo a San Sebastiano al Vesuvio per lo “STERMINATOR VESEVO” che ci attende venerdì prossimo, 16 Novembre, alle ore 20,30 presso la:
Pizzeria FUNICULA’, in via Libertà, 22 – Tel 081 7712663.
Non mancare!
Aggiornamento:
Sono state pubblicate le foto della serata http://www.imaccanici.org/lenostrefoto/iNcontri.html.

—OraCle

Apple Store Roma Est presenta: Mac OS X 10.5 Leopard

Poche ore fa è terminata la festa per l’anteprima mondiale di Leopard anche all’AppleStore di Roma Est. Due ore prima dell’apertura (alle 16,00) già si contavano decine di persone in coda, alle 18,00, orario di apertura, erano diventate più di 300, alle 18,20 erano già finite le 500 magliette commemorative.
Tutti i computer Apple esposti avevano Leopard in bella mostra, con le sue maxi icone in modalità CoverFlow e il suo “bel” Dock tridimensionale. La fila alle casse per acquistare una copia di Leopard era incredibile, e l’atmosfera quasi irreale, anche la confezione di Leopard ha un effetto 3D grazie ad una specie di ologramma che raffigura lo spazio. Centinaia di curiosi si chiedevano cosa stesse accadendo, e tra uno scherzoso “presentano Vista” ed un “regalano gli iPod” restavano sbalorditi per la folla eccitata di MacUser.
I dipendenti dello Store si sono trovati a dover accontentare le richieste più variegate dei clienti, dimostrando una disponibilità ed una professionalità ineguagliabile. Anche i tecnici del Genius Bar hanno dimostrato di essere, oltre che esperti del Mac, degli ottimi commessi. Una spilletta con il logo Apple è stata consegnata a nome de iMaccanici ad ogni dipendente dell’Apple Store, a ricordo della memorabile serata.
Qui trovate le nostre foto della presentazione di Leopard a Roma, ed è disponibile anche il breve filmato girato durante l’evento.
Unica nota negativa va segnata al pessimo caffè offerto dallo Store alle persone in fila prima dell’apertura: una vera “ciofeca“, ma si sa, noi napoletani al caffè ci teniamo!
—OraCle

Elia l’avvocato del diavolo!

Elia (di professione avvocato) iscritto al forum de iMaccanici, ha comprato due Mac mini, stamattina (25 ottobre) gli arrivano allo studio… uno contiene ovviamente Tiger 10.4.10, e l’altro miracolosamente gli è stato fornito con Leopard 10.5 in ANTEPRIMA assoluta, poiché come tutti sappiamo, verrà presentato ufficialmente soltanto domani alle 18,00!
Non sappiamo se è normale, ma è certo che la sua fedeltà ad Apple è stata premiata nel migliore dei modi!
Auguri Elia, e buon divertimento con i tuoi nuovi Mac, e auguri anche a noi che festeggiamo l’articolo n.600 con questa lieta notizia.
—OraCle

Lettere, maccanici di fine estate

L’incontro di venerdì 28 settembre ha visto 21 partecipanti affamati di Apple e di Pizza! La serata è stata indimenticabile, con un locale tutto per noi (anche perché avrebbe aperto solo dopo tre giorni) e nell’occasione della pizza maccanica a Lettere abbiamo rafforzato il legame umano che ci unisce. Tra i grandi assenti c’erano Biomac, Titti, Pask, Valentino e il mitico Federico, si sentiva tanto la loro mancanza! Nel corso dell’incontro sono state distribuite le nuove caselle di posta targate imaccanici.it, (ecco il PDF per l’attivazione) con una serie di servizi inclusi come: instant messaging (compatibile con iChat); antivirus; antispam; ecc… il tutto “powered by Gmail”.
Un abbraccio di ringraziamento va a Gaetano che con la sua splendida maglia birmana ha fatto breccia, ma anche a Mariateresa, Vincenzo, Armando, Luisa, Nello, Raffaele, Aniello, Samantha, Michelangelo, Flavio, Dario, Massimo, Anna, Simone, Giovanni e ai piccoli Francesco e Silvio che hanno reso indelebile la serata con noi tre (Eugenio, Stefano e Franz).
Abbiamo pubblicato alcune foto della serata nella apposita sezione dedicata agli incontri.
Buona visione.
—OraCle

La stampa moderna

Sfogliare una rivista, leggere un libro, osservare un depliant o accettare un biglietto da visita sono gesti quotidiani, ma spesso, chi non è del settore, ignora tutto quello che c’è a monte di un foglio stampato e quali sono i passaggi per realizzarlo.
Come nasce la carta stampata, quali sono le attrezzature utilizzate, qual’è il computer ed i programmi più utilizzati per realizzare un lavoro tipografico?
Lo scopriamo durante una nostra visita in tipografia dai nostri amici Peppe e Salvatore.
…SegueQuesti due giovani ragazzi, dopo anni di duro lavoro da dipendenti, hanno deciso di fare il grande passo e di aprire un centro di stampa, eseguendo lavori tradizionali in piombo, lavori moderni con tecnologia offset e piccole tirature in stampa digitale. Tutte le loro attrezzature, anche quelle meno recenti, sono sempre revisionate ed impeccabili. Attualmente con le tecnologie di connettività a disposizione è spesso possibile inviare al mattino un file definitivo e ritirare il lavoro stampato poche ore dopo. La qualità è ancora un diritto del cliente ed in un paese come il loro, poco sviluppato nel settore grafico, è davvero una caratteristica rara.
Il cliente iniziale si rivolge ad uno studio grafico, altra realtà che approfondiremo in futuro, per realizzare il lavoro, spesso un’immagine coordinata legata ad una produzione successiva di depliant, locandine, cartelline, manifesti o riviste, mentre nel caso di un libro o di una piccola edizione, il cliente normalmente si rivolge piuttosto ad una casa editrice.
In questi studi nasce e si materializza l’idea per venire poi realizzata con diverse tecniche di illustrazione (talvolta manuali), ma sempre finalizzata con l’utilizzo di un computer, ovviamente un Macintosh. È qui, dove è imperdonabile fermarsi per colpa di un fermo macchina (in inglese downtime), che il Mac è riuscito ad imporsi, grazie anche all’impegno delle software house, Adobe in testa, che hanno investito fortemente nello sviluppo dei programmi professionali per la nostra piattaforma.
I software utilizzati dal grafico sono spesso quelli abituali: Photoshop per il trattamento delle immagini; Illustrator o Freehand per il disegno vettoriale; InDesign o XPress per l’impaginazione multipagina; e Acrobat Professional per l’invio di bozze e per la chiusura del flusso di lavoro. Questi programmi, è evidente, sono perfettamente integrati tra loro e grazie a Mac OSX hanno raggiunto un’affidabilità che non teme la concorrenza.
Dopo la revisione finale delle bozze, il file .PDF viene inviato al tipografo, che ne verifica la bontà e procede all’incisione delle lastre (se stampato in Offset) o alla stampa diretta in digitale (se il prodotto lo permette). La fase finale è destinata al taglio ed all’eventuale lavorazione di allestimento.

Il computer del tipografo deve necessariamente funzionare ‘sempre’, non è possibile fermare la giostra neanche per mezza giornata, altrimenti i lavori subirebbero un ritardo e si potrebbero accavallare con quelli in coda. Ecco perché nel settore della stampa e della prestampa il Macintosh si è imposto con forza, anche se non necessariamente debba trattarsi di un potentissimo modello di punta.
Da Emmegi, questo il nome della tipolitografia di Peppe e Salvatore, ci sono soltanto tre macchine Apple: un vecchio G3 beige per rippare i file PostScript sulla fotounità delle pellicole; un meno obsoleto eMac G4 1,25 GHz destinato alla posta, ai piccoli lavori ed alla battitura dei testi; ed un più recente iMac Intel CoreDuo 24″ per il lavoro pesante. Queste macchine anche se destinate ad un settore meno professionale svolgono molto bene il loro lavoro anche in un reparto così esigente, ma nei progetti futuri di Emmegi c’è in cantiere l’acquisto di un Quad Xeon.
Ecco qui le foto della nostra interessante giornata.

La tipolitografia Emmegi risponde al numero telefonico 081-8738114.

—OraCle

29 Giugno, incontro al "la gragnanese"

Preparate le vostre cose, venerdì prossimo alle 20,30 ci incontreremo a Gragnano per una pizza, una birra, per la consegna dei cappellini Apple e per festeggiare un evento segreto ed importante.
Le indicazioni sono semplici, da Napoli o Salerno uscite a Castellammare e proseguite per Gragnano, percorrete via Castellammare per 500 metri fino al pastificio Di Martino e svoltate a sinistra, seguite la strada fino al suo termine poi girate a sinistra e proseguite per circa 300 metri. Sul ponte proseguite a sinistra e siete arrivati.
Questa volta per agevolarvi abbiamo realizzato un VIDEO per raggiungere il locale.

—OraCleEccovi la lista aggiornata dei partecipanti:

1) supermac (Federico)
2) nelloufficio (Nello)
3) fragrua (Franz)
4) weuben (Eugenio)
5) fenix (Raffaele)
6) biomac (Michele)
7) simkravitz (Simone)
8) WhiteDuke (Gaetano)
9) evilmade (Vincenzo)
10) demona (Anna)
11) bamba (Nando)
12) zen…zero (Titti)
13) flarom (Flavio)
14) blakmac (Giovanni)
15) Il MessaGGiero (Massimo)
16) Atomo73 (Michele)
17) Flauto (Salvatore)
18) Emmegi (Papp)