Leopard, istruzioni per l’uso

In molti abbiamo l’abituale sfortuna di “dimenticarci” del libretto di istruzioni quando compriamo un nuovo elettrodomestico, questo capita anche quando compriamo un computer o quando cambiamo Sistema Operativo.
Bene, è il caso di sapere che il tempo risparmiato nella fase di lettura iniziale lo perderemo con gli interessi nel corso della nostra convivenza con il nuovo amico elettronico.
Roberto Celano, autore di Mac OS X Leopard – La grande guida, non ha bisogno di presentazioni, per Mondadori ha scritto fino ad oggi 40 libri (un record), basta fare una ricerca sul Web per apprezzare la quantità e la qualità dei suoi lavori. Nel corso della settimana ci ha fatto ricevere una copia della sua ultima opera edita da Mondadori Informatica.
Forse è proprio il caso di darle uno sguardo!
…SegueIl manuale di 392 pagine, suddiviso in 16 capitoli interamente dedicati all’esplorazione di Leopard, include un fuoritesto su carta patinata, per apprezzare anche nei colori l’elegante grafica dell’ultimo Sistema Operativo rilasciato da Apple.
La guida è stata realizzata per offrire, a chiunque ne avverta l’esigenza, un approccio progressivo ed una sufficiente padronanza con il Sistema Operativo Mac OS X, nome in codice Leopard.
Il volume è destinato in ugual misura sia a chi utilizza il Mac da una vita, che ai nuovi utenti Mac, migrati o meno da sistemi basati su Windows.
La parte iniziale propone un breve riferimento alla storia di Apple, dall’inizio, senza dimenticare l’avventura dei due giovani californiani (Wozniak e Jobs) destinati a trasformarsi in icone sacre dell’olimpo informatico, con riferimenti ai prodotti che hanno segnato il successo di Apple Computer, adesso Apple Inc., società che come è noto non si occupa più solo di calcolatori, ma di tutta la vita digitale dell’essere umano.

Il primo capitolo dell’opera presenta le novità principali e le migliorie introdotte da Leopard: Boot Camp, Time Machine, Spaces, Front Row, Photo Boot, Stack, Quick Look, Automator, Spotlight, Dashboard, iChat, Mail, Safari, etc. descrivendo in maniera estremamente semplice le funzionalità di ognuna di esse. Una pratica tabella riassume il numero di novità implementate da Leopard per ogni applicazione seguita da un approfondimento per ogni argomento.
Il secondo capitolo si occupa dell’installazione di Leopard, delle opzioni di installazione e delle precauzioni da prendere prima del grande passo. Affronta anche i contenuti supplementari meno evidenti del Disco di installazione, e le procedure iniziali da seguire prima, durante e dopo l’aggiornamento.
Il terzo capitolo affronta l’area di lavoro, le funzionalità del Finder e e le sue innumerevoli personalizzazioni, passando da Spotlight, il potente e agile motore di ricerca integrato, alla modalità di presentazione rapida dei documenti, illustrando il nuovo Dock e gli interventi basilari per risolvere eventuali difficoltà con applicazioni di terzi dal funzionamento incorretto. Le funzionalità di creazione, interrogazione, informazione, esplorazione, personalizzazione e salvataggio di documenti e cartelle vengono illustrate con la stessa semplicità alla quale ci ha abituati l’autore dall’inizio del libro.
Il quarto capitolo si occupa del ponte di comando della nostra macchina, le Preferenze di Sistema. Aspetto, Dock, Exposé e Spaces, Internazionale, Scrivania e Salvaschermo, sicurezza, Spotlight, CD e DVD, Monitor, Risparmio Energia, Stampa e Fax, Suono, Tastiera e Mouse, .Mac, Condivisione, Network, QuickTime, Accesso Universale, Account, Controlli Censura, Data e Ora, Disco di Avvio, Time Machine, Voce… Tutti i pannelli vengono attentamente analizzati ed approfonditi per aiutare l’utente a configurare in maniera ottimale il proprio Mac.
Il quinto capitolo è prettamente dedicato allo switcher, cioè a chi ha abbandonato il mondo Windows per abbracciare un Mac. Si parla infatti di Boot Camp, la tecnologia di Apple che permette l’avvio nativo di Windows sui Mac dotati di processori Intel. Fortunatamente solo poche pagine sono dedicate a quest’argomento.

Il sesto capitolo è dedicato a tutti i tipi di condivisione di cui il Mac è capace: documenti Mac/Mac, PC/Mac; tipologie di condivisione con senza fili; condivisione dello schermo, delle stampanti, del Web, della connessione, Xgrid, Bluetooth; login e gestione remota; Apple Event remoti. Ognuno di questi elementi vengono illustrati sapientemente.
Il settimo capitolo porta l’utente alla scoperta di Time Machine, ben diversa dal “Ripristino configurazione di sistema di Windows”, è la soluzione definitiva al backup dinamico dei file, e al recupero dei dati persi accidentalmente navigando all’interno di un tunnel spaziale, che propone esattamente la sensazione di un fantascientifico viaggio nel tempo.
L’ottavo (o ottimo) capitolo porge all’attenzione del lettore l’utilizzo corretto di Mail.app, il software Apple per la gestione della posta elettronica. Una trentina di pagine bastano appena per approfondire le numerose funzionalità dell’aggiornatissimo client di posta del Mac, che in questa versione acquista numerose funzionalità senza perdere la facilità di utilizzo che lo ha sempre contraddistinto.
Il nono capitolo è dedicato al compagno di banco di Mail: Safari. Il browser più veloce ed agile da poco disponibile anche per Windows. Notevole il piccolo bottone che permette di aprire una porzione di pagina in Dashboard sotto forma di Widget, QUI proponiamo un esempio realizzato per un’altra occasione.
Il decimo capitolo è prettamente legato allo svago, ma non per forza, infatti iChat, il client di messaggeria istantanea Apple, è molto più di un semplice strumento di chat, permette infatti funzioni evolute che vengono spiegate in maniera corposa in una ventina di pagine.
L’undicesimo capitolo vede protagonista DVD Player e QuickTime, gli strumenti semplici e potenti per superare in tutte le funzionalità un comune player DVD da tavolo, portando il salotto nel Mac o viceversa un Mac in salotto.
Il dodicesimo capitolo tocca un argomento indispensabile nella vita di un Personal Computer: l’archiviazione dei dati, in questo caso la masterizzazione di un CD o di un DVD tramite gli strumenti messi a disposizione dal Sistema Operativo.
Il tredicesimo capitolo, seguendo un filo logico che ci accompagna dall’inizio, presenta Utility Disco, il potente strumento messo a disposizione da Apple, ma a molti utenti ancora sconosciuto, capace di riparare, inizializzare, partizionare e riparare un disco, non per ultimo creare un RAID efficace ed economico.
Il quattordicsimo capitolo è dedicato all’applicazione Preview, in italiano Anteprima, un visualizzatore di immagini e PDF tanto leggero quanto potente, che a differenza di lettori più blasonati si apre in un baleno e permette anche un minimo di correzione alle immagini, con nuovi strumenti e funzionalità aggiunte in Leopard
Il quindicesimo capitolo presenta TextEdit, come il “cenerentolo” del Sistema, capace di stupire l’utente nell’apertura testuale dei documenti più disparati, supportando nel suo formato nativo testo, immagini, suoni e filmati.
Il sedicesimo (e ultimo) capitolo si occupa di Automator, per molti un perfetto sconosciuto, e della Calcolatrice, che pur essendo da anni nella nostra cartella Applicazioni non riesce a rimpiazzare definitivamente la vecchia Casio che custodiamo nel cassetto.

Finisce qui, con un comodissimo indice analitico, questa avvincente guida su Leopard, che offrirà a molte persone una possibilità maggiore per sfruttare meglio gli strumenti di Apple messi a disposizione dei suoi clienti.
Se vogliamo per forza muovere un appunto a questo volume, possiamo farlo nell’utilizzo spesso ricorrente del termine “mela” piuttosto che “command” nei riferimenti agli Shortcut: è noto che nei recenti modelli di tastiera è stata rimossa definitivamente l’icona del logo Apple per lasciare la più fredda dicitura Command sul tasto in questione; infine qualche refuso tipografico vede uno Steve Wozniak con la “c” piuttosto che con la “k”, ma questo non ci cambia di certo la vita.
Nei ringraziamenti iniziali l’autore si rivolge a Steve Jobs per quello che è riuscito a produrre e per come ha cambiato la nostra vita informatica, noi ringraziamo Roberto Celano per il lavoro svolto e per averci offerto la possibilità di conoscere a fondo Leopard e le novità (anche meno evidenti) che hanno ridato una nuova vita ai nostri Mac.
—OraCle

Un posto in libreria

L’azienda informatica più amata del pianeta, fondata nella Silicon Valley dai due Steve (Jobs e Wozniak), è una realtà che ha avuto la capacità di trasformare la società tecnologica più volte, fin dai tempi del garage dei genitori, quando partorirono l’idea del Personal Computer, al momento in cui l’iPod ha cambiato il modo di ascoltare la musica.
Oggi con l’iPhone il miracolo commerciale continua e c’è chi non riesce a farsene una ragione.
Nelle 192 pagine del libro Emozione Apple, scritto dalla penna di Antonio Dini, si apprendono le tecniche di ideazione, produzione e commercializzazione dei prodotti di Apple, diventate riferimenti fondamentali in qualunque settore del marketing mondiale.
Che cos’è in realtà Apple? Qual è il motivo del suo rinnovato successo a partire dalla fine degli anni Novanta? Perché Mac, iPod e iPhone generano sentimenti nei loro utenti che non possono essere spiegati, ad esempio, con le consuete categorie utilizzate dal marketing per gli apparecchi tecnologici?
A queste domande cercherà di dare una risposta completa e razionale l’autore del volume, grazie a quasi sette anni di ricerche, incontri con i protagonisti e accesso alle principali aziende tecnologiche americane, asiatiche ed europee, realizzando così una delle più complete inchieste giornalistiche sul fenomeno Apple.
—OraCle

Scoprire ed imparare Mac OS X 10.5

Luca Accomazzi e Lucio Bragagnolo, due guru italiani del Mac, preparano una “mappa che vi guiderà alla scoperta di Leopard”. Entrambi sono stati beta tester per la versione 10.5 di Mac OS X, lavorano con i computer Apple già dai primi anni 80 e collaborano attivamente con Macworld Italia.
Questo libro analizza prima in superficie e poi nei dettagli tutte le novità di Mac OS X 10.5, spiega che cosa è cambiato rispetto a Tiger ed illustra specificamente le ragioni per cui la scelta di aggiornare il proprio computer a Leopard è conveniente, oltre a mostrare il funzionamento e le basi delle nuove tecnologie introdotte.
Gli argomenti trattati nella guida sono: installazione e introduzione; Interfaccia, strumenti, funzionalità e preferenze di sistema; Marchi di fabbrica: Dashboard, Spotlight e Finder; Le applicazioni Cocoa, Carbon, Classic, Java, Unix, Windows; Internet, posta elettronica e chat: Safari, Mail, iChat; Risoluzione di problemi con Automator e AppleScript; Condivisione di foto e musica in rete con i PC; connettività in movimento con Airport; il servizio dot Mac; La sicurezza; Il disco fisso e il filesystem; Mac OS X server; Dal Terminale a Unix.

“Mac OS X Leopard – Guida completa” (Apogeo, 504 pagine) ha un prezzo di copertina di 39 euro, ma è possibile acquistarlo con il 15% di sconto direttamente dal sito dell’editore.

Quando il Mac fa spettacolo

Abbiamo già presentato Simone Schettino, a chi segue il sito de iMaccanici, come appassionato utente Apple. Oltre al MacBook Pro e all’iPod (video), Simone è infatti un “quasi felice” possessore di un MacPro super-corazzato. È uscito l’ultimo lavoro di Simone Schettino su DVD VIDEO, e quale posto migliore per presentarlo se non tra i suoi amici? Si tratta di una raccolta di spettacoli video, come “Inciuci globalizzati”, e “Mamma mia che ipocrisia” per un totale di 2 ore e 6 minuti su supporto DVD DualLayer ad alta qualità.
All’interno della custodia trova posto un simpatico libretto di 16 pagine (più copertina) con gli sketch più famosi di Simone in una esilarante versione fumettistica, mia moglie quando ha visto quella del maiale in Mercedes ha avuto un attacco di risate quasi fatale… ho detto quasi.
È in vendita un po’ dappertutto al prezzo di 13,80 euro, certo direte voi: “Posso anche comprarlo sulla bancarella dell’ambulante di turno a 5 euro”, ma bisogna rinunciare alla qualità superiore del DualLayer ed all’imperdibile fumetto incluso. E poi, se quello del marocchino non si vede, da chi reclamerete?
Quindi, in edicola a comprare: “Dicette ‘o Pappece vicino a’ Noce… mo m’accatto ‘o schiaccianoce”.
Trovate altre cose divertenti sul suo sito.

—OraCle

Problematiche nella stampa Offset

Casi pratici e orientamenti per il litoimpressore da foglio e da bobina.
Chi usa il Mac spesso è legato al mondo della stampa offset, si tratta del grafico, dell’editore, dell’impaginatore o dell’operatore di prestampa. Tutti questi professionisti hanno spesso un conflitto spaventoso con la macchina da stampa, quando i risultati desiderati non si rispecchiano con quello finale, e dovrebbero conoscere le problematiche legate alla fase ultima della loro creazione.
Peter Müller scrive questo libro nel 1985 presentando le difficoltà tecniche che si incontrano nella stampa offset, molti dei nostri utenti sono in qualche modo legati alla stampa o alla pre-stampa, e questo volume può essere indispensabile per prevenire spiacevoli risultati o per facilitare la realizzazione di un lavoro stampato, nonché può trattarsi della guida definitiva per il macchinista offset.
Vengono trattati argomenti frequenti come il fuori registro all’estremità del foglio, l’eccessiva erogazione dell’inchiostro, la stampa con argento e oro, il rifiuto dell’inchiostro, ma anche problematiche più inconsuete, come il famigerato effetto fantasma, la sfarinatura della carta, la spelatura e centinaia di altri contrattempi che causano costi e diminuiscono la qualità del prodotto grafico.

212 pagine, 340 illustrazioni, Formato UNI A4, ISBN 88-85300-19-7.
Il libro è acquistabile su Arti Poligrafiche Europee al prezzo di 25 euro.
—OraCle

Come si fa un Podcast

Alessandro Venturi scrive una guida al Podcasting, la trasmissione di programmi radiofonici o contenuti audio per mezzo di Internet e che può essere fruito tramite computer o lettori digitali mp3 (iPod). Il concetto fondamentale che sta alla base di questo fenomeno è: permettere agli utenti di ascoltare ciò che vogliono, quando vogliono e dove vogliono. Questo testo è il frutto di un anno intero di podcast visto dalla parte di un ascoltatore e autore di podcast. Una volta letto si avrà la piena conoscenza di che cos’è un podcast, dove trovarli, come ascoltarli e come crearne uno.
Si partirà dalla base dell’audio: la registrazione e i mezzi necessari; ci si inoltra poi nella pubblicazione di un podcast con la relativa promozione dello stesso. Si affronterà anche il discorso del podcast video come mezzo alternativo di comunicazione, di come evolve e quali mezzi sono necessari per visualizzarlo e realizzarlo.
Il libro è acquistabile su Tecniche Nuove, al prezzo di 9,90 euro, 192 pagine brossurate, formato tascabile 11,18.

—OraCle

Passare a Mac, ma farlo subito!

Dagli autori David Pogue e Adam Goldstein nasce “Passare a Mac”, edito da Tecniche Nuove.
Un utile libro dedicato a chi affronta il passaggio da Win a MacOSX, ricco di consigli utili a trasferire i propri dati da Windows a Mac, come importare le email, la rubrica, i calendari, l’elenco dei siti preferiti, gli elenchi dei contatti, gli sfondi di scrivania, i file MP3, ricreare la propria suite di software e imparare a usare Tiger.
Ecco dove comprarlo al prezzo di 36,90 euro, è possibile anche visionare l’indice del libro in formato PDF.

—OraCle