Curiosità più che lecita

Per parlare di qualsiasi altra cosa che abbia poco o niente a che fare col mondo Mac :D

Moderatore: ModiMaccanici

stepashin
Stato: Non connesso
Maccanico assiduo
Maccanico assiduo
Iscritto il: lun, 02 feb 2009 11:51
Messaggi: 134

Top

Oggetto del messaggio: Curiosità più che lecita

Messaggio da stepashin »

Ciao a tutti, so che qualcuno di voi se ne intende un bel pò di impianti e sistemi di rete, perciò spero che riusciate a risolvere alcuni dei dubbi che mi stanno assillando negli ultimi tempi.

Dove vivo ora (collegio universitario a Torino), abbiamo c'è un sistema di rete abbastanza complesso e vorrei capire meglio come funziona: vi descrivo un po' come appare il tutto ad un qualsiasi utente come me, quello che mi interessa è sapere hardware e gestione della rete.

Bene, il collegio è composto da 5 sedi, sparse un pò per la città di torino: da quello che lasciano intuire tutte le sedi condividono un IP pubblico fastweb statico e dedicato e sono tra loro in qualche modo collegato. In ogni modo io vedo unicamente la rete interna della mia sede.
In ogni stanza sono presenti 2 prese a muro: una per il telefono (VOIP), una per il cavo della LAN, nelle aree comuni sono presenti hotspot wifi con 2 possibilità di collegamento: tramite VPN e tramite protocolli EAP.
Bene, in pratica vengono assegnati IP tramite DHCP solo ai collegamenti wifi, mentre le prese a muro sono identificate da un ip statico.
Sono stato in grado di verificare che il tecnico, ad inizio anno, registra la macchina collegata alla presa a muro ed è praticamente impossibile far collegare altri computer (ho provato anche con software per nascondere il mac address, ma niente da fare).

In tutto in ogni sede ci sono almeno 150 camere, che aggiunte ai collegamenti wifi (consentiti anche agli ospiti esterni) fanno diverse centinaia di persone collegate contemporaneamente. Le prestazioni sono eccelse e il sistema di gestione delle telefonate tramite un centralino voip è a dir poco stupefacente.
Ma cosa c'è dietro tutto questo? Come si mette su una rete del genere e che razza di rete è? Che ci sia mica un collegamento dedicato, tipo quello delle Pubbliche Amministrazioni?

Grazie dell'attenzione e scusate se è un po' lungo..

Avatar utente
Dolcezeus
Stato: Non connesso
Maccanico attivo
Maccanico attivo
Avatar utente
Iscritto il: sab, 17 nov 2007 08:15
Messaggi: 372

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da Dolcezeus »

premetto che l'architettura è molto complicata ma vedrò di essere chiaro:
per prima cosa penso che se tutti i telefoni sono voip sicuramente hanno fatto richiestra di un gnr (gruppo numerazione ridotta) ovvero un numero 06-1212*** così da poter avere 999 interni gestito da un centralino-voip (penso subito ad asterisk)
penso che ogni centro abbia il proprio centralino interno (così il carico computazionale è distribuito) inoltre io separerei il voip dalla rete internet (così se uno frigge non frigge tutto..pensa a qualche attacco o a qualche worm) l'autentificazione degli utenti sia voip che internet è svolta direttamente dai gateway (centralini) cmq esiste una normativa ben definita per progetti di questa entità ti posto il file creato da degli amici di corso leggiti il capitolo 3 così se ti interessa puoi studiartelo io l'ho fatto per l'esame di reti.
http://rapidshare.com/files/248963638/R ... 1.pdf.html

per quanto riguardo il tipo di rete se è un'università sicuramente è collegata con la GARR

stepashin
Stato: Non connesso
Maccanico assiduo
Maccanico assiduo
Iscritto il: lun, 02 feb 2009 11:51
Messaggi: 134

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da stepashin »

grazie per il file, lo leggerò tutto.
Intanto credo di essere riuscito a trovare 1 cosa (proprio dal sito del mio collegio):

http://www.collegioeinaudi.it/ContentIm ... llegio.jpg

Beh,da qualche indagine che ho fatto internamente risulta che le utenze prettamente telefoniche sono separate da quella web (come avevi ipotizzato), mentre dall'immagine sembra che il fornitore di servizi sia fastweb e che la stessa fastweb si occupi della condivisione dell'utenza internet.

Ma per fare tutto ciò non capisco in che modo cerchino di usare i cavi di fastweb,cioè, non penso arrivino a dedicare una linea..e poi perchè c'è l'ingresso a 100mbs e i collegamenti a 20mbs?

Avatar utente
predatorfe
Stato: Non connesso
Admin
Admin
Avatar utente
Iscritto il: sab, 08 ott 2005 07:00
Messaggi: 3373
Località: Castellammare di Stabia

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da predatorfe »

stepashin ha scritto:grazie per il file, lo leggerò tutto.
Intanto credo di essere riuscito a trovare 1 cosa (proprio dal sito del mio collegio):

http://www.collegioeinaudi.it/ContentIm ... llegio.jpg

Beh,da qualche indagine che ho fatto internamente risulta che le utenze prettamente telefoniche sono separate da quella web (come avevi ipotizzato), mentre dall'immagine sembra che il fornitore di servizi sia fastweb e che la stessa fastweb si occupi della condivisione dell'utenza internet.

Ma per fare tutto ciò non capisco in che modo cerchino di usare i cavi di fastweb,cioè, non penso arrivino a dedicare una linea..e poi perchè c'è l'ingresso a 100mbs e i collegamenti a 20mbs?
Non dedicano un cavo, usano le infrastrutture esistenti in fibra ottica (fortunati voi :twisted:) per collegare le sedi.
In effetti è come se cablassero un palazzo in fibra, solo in scala un po´ più grande :D

È normale che l´uplink a internet abbia una larghezza maggiore rispetto alla potenzialità delle singole sedi, calcolando picchi e traffico medio, più o meno ci siamo :D
Stefano Ferrara

Avatar utente
Dolcezeus
Stato: Non connesso
Maccanico attivo
Maccanico attivo
Avatar utente
Iscritto il: sab, 17 nov 2007 08:15
Messaggi: 372

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da Dolcezeus »

In effetti è come se cablassero un palazzo in fibra, solo in scala un po´ più grande
è impensabile cablare un intero edificio in fibra i costi sarebbero proibitivi...come diceva Predaforte usano un infrastruttura già esistente..ovvero per la città ci sta la fibra e all'univ viene dedicato un link ottico che è come un filo di fibra che usa solo l'univ.(immagina la fibra costituita da n link ottici trovi più info sul documento che ti ho postato)..cmq per quanto riguarda la telefonia in molte univ adottano la soluzione fastweb con centralino autogestito mentre per la rete dati ti assicuro che fanno parte del GARR e hanno un gateway di uscita in fibra su quest'ultimo.