RAID con l'iMac

Problemi con il Mac, componenti o periferiche

Moderatore: ModiMaccanici

gfelice
Stato: Non connesso
Nuovo Maccanico
Nuovo Maccanico
Iscritto il: ven, 13 mar 2009 16:44
Messaggi: 6

Top

Oggetto del messaggio: RAID con l'iMac

Messaggio da gfelice »

Di recente ho perso tutti i dati sul mio iMac perchè si è guastato il disco fisso.
Per evitare che si ripeta il problema vorrei usare la stessa soluzione che adotta l'azienda per cui lavoro per tutti i PC.
Si tratta del sistema raid mirror, cioè duplicare automaticamente i dati su un altro disco fisso interno.
Credo che sia una funzione resa possibile da una scheda interna oppure dalla scheda madre dei PC.
Ho notato che la funzione raid è prevista nel sistema operativo Leopard e, dato che non mi sembra possibile instalalre un dico interno aggiuntivo, suppongo si possa realizzare una cosa simile con un disco esterno.
Non voglio usare Time Machine perchè non mi fido e comunque mi costringerebbe a reinstallare tutto daccapo.
Vorrei sapere se qualcuno ha già usato questo sistema e come si trova.
Il mio dubbio riguarda la velocita' di trasferimento dei dati e l'eventuale spreco di spazio sul disco esterno: dato che questi, da come mi ha spiegato il sistemista dell'azienda, vengono scritti contemporanemanete su entrambi i dischi (che vengono visti come una sola unita'), la velocità di scrittura dovrebbe allinearsi a quella del disco più lento (sicuramente quello esterno per via della connessione USB, ethernet o firewire); inoltre la dimensione dei due HD dovrebbe essere identica per evitare di sprecare quella parte che, sul disco di maggiori dimensioni, eccede la dimensione del disco più piccolo.
Grazie

Avatar utente
fragrua
Stato: Non connesso
Admin of my life
Admin of my life
Avatar utente
Iscritto il: sab, 08 ott 2005 07:00
Messaggi: 59720
Località: [k]ragnano

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da fragrua »

Il problema dell'iMac è proprio l'impossibilità di montare due dischi interni. Il RAID software di Leopard richiede la disponibilità immediata dei due dischi, cosa che potrebbe non accadere con un esterno, inoltre l'esterno farebbe da collo di bottiglia a causa della velocità del trasferimento dei dati ridotto.
Ti consiglio di fare backup periodici con CarbonCopyCloner. È gratuito e rapido, poiché aggiorna solo i file modificati. Operazione che puoi fare ogni volta che fermi il Mac, o quando lo ritieni più opportuno.

Avatar utente
TheMacGuru
Stato: Non connesso
Expert Latitante
Expert Latitante
Avatar utente
Iscritto il: lun, 05 gen 2009 19:49
Messaggi: 1739

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da TheMacGuru »

Potresti sempre fare il backup su un disco esterno in RAID, cosi dormi sonni tranquilli.
Tipo gli UltraMax della IOMEGA:

http://go.iomega.com/section?SID=d23ddf ... ecid=39290

gfelice
Stato: Non connesso
Nuovo Maccanico
Nuovo Maccanico
Iscritto il: ven, 13 mar 2009 16:44
Messaggi: 6

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da gfelice »

fragrua ha scritto:Il problema dell'iMac è proprio l'impossibilità di montare due dischi interni. Il RAID software di Leopard richiede la disponibilità immediata dei due dischi, cosa che potrebbe non accadere con un esterno, inoltre l'esterno farebbe da collo di bottiglia a causa della velocità del trasferimento dei dati ridotto.
Ti consiglio di fare backup periodici con CarbonCopyCloner. È gratuito e rapido, poiché aggiorna solo i file modificati. Operazione che puoi fare ogni volta che fermi il Mac, o quando lo ritieni più opportuno.
Ma allora perchè Leopard prevede questa possibilità del raid se poi in pratica non è utilizzabile?
Pensavo che ci fosse una sorta di ottimizzazione particolare che consentiva di realizzare o simulare un meccanismo tipo quello del raid anceh su dischi fissi esterni.

Avatar utente
fragrua
Stato: Non connesso
Admin of my life
Admin of my life
Avatar utente
Iscritto il: sab, 08 ott 2005 07:00
Messaggi: 59720
Località: [k]ragnano

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da fragrua »

gfelice ha scritto:Ma allora perchè Leopard prevede questa possibilità del raid se poi in pratica non è utilizzabile?
Pensavo che ci fosse una sorta di ottimizzazione particolare che consentiva di realizzare o simulare un meccanismo tipo quello del raid anceh su dischi fissi esterni.
È utilizzabilissima, ma non è saggio come vuoi fare tu, con un disco interno e uno USB2.

Avatar utente
TheMacGuru
Stato: Non connesso
Expert Latitante
Expert Latitante
Avatar utente
Iscritto il: lun, 05 gen 2009 19:49
Messaggi: 1739

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da TheMacGuru »

Il RAID software e' sempre molto "FRAGILE" molto meglio il RAID Hardware.

gfelice
Stato: Non connesso
Nuovo Maccanico
Nuovo Maccanico
Iscritto il: ven, 13 mar 2009 16:44
Messaggi: 6

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da gfelice »

TheMacGuru ha scritto:Potresti sempre fare il backup su un disco esterno in RAID, cosi dormi sonni tranquilli.
Tipo gli UltraMax della IOMEGA:

http://go.iomega.com/section?SID=d23ddf ... ecid=39290
Nell'azienda per cui lavoro i backup si fanno su disco ethernet Lacie, anche loro in RAID 1.

Però in caso di rottura di un disco non c'è nulla di meglio che averlo in RAID 1 con un altro, principalmente per due motivi:
1) continui a lavorare anche con un disco rotto (non so come sarebbe se il RAID fosse fatto con un disco esterno...), e spegni il computer per la sosituzione quando ti vien meglio, e non forzatamente quando si verifica l'evento.
2) non sei costretto a reinstallare tutto daccapo.

Alla fine leggendo un po' in giro mi sto rassegnando all'idea di prendere un disco esterno, magari ethernet e organizzarmi con i backup... :(

Avatar utente
TheMacGuru
Stato: Non connesso
Expert Latitante
Expert Latitante
Avatar utente
Iscritto il: lun, 05 gen 2009 19:49
Messaggi: 1739

Top

Oggetto del messaggio:

Messaggio da TheMacGuru »

Anche via rete va bene (solo + lento), rispetto alla Firewire.
Però ti prego dimentica i LaCie, se si guasta non recuperi + i dati. Ho una catasta di dischi LaCie guasti che sto pian piano separando per portarli a rottamare da chi recupera l'alluminio.