La Mandrakata (creare una partizione senza DVD retail)

Inserite qui le vostre guide, trucchi e consigli

Moderatore: ModiMaccanici

Rispondi
Hammarby
Unix Expert
Unix Expert
Avatar utente
Iscritto il: gio, 29 ott 2009 14:28
Messaggi: 4055
Località: Stockholm, SE
Oggetto del messaggio: La Mandrakata (creare una partizione senza DVD retail)

Messaggio Inviato: ven, 28 dic 2012 12:18

Ciao,
ora che ci penso, con un ibook puoi provare a fare una Mandrakata, io te la spiego e tu,
se te la senti, ci provi, se no cerchi Mandrake e la fai fare a lui (lo conosci uno bravo come Mandrake, no?).
Prendi l'ibook, trovi il modo di collegarci il tuo vecchio Hard Disk ed anche un lettore per il tuo DVD di installazione,
altrimenti ti procuri una immagine dmg del tuo disco di installazione.
Con le utility disco, salvi i tuoi dati dal tuo disco, e poi lo ripartizioni, creando due partizioni HTFS+.
La prima partizione sarà da 16G, la seconda sarà tutto il resto del disco.
Inizializzi il tuo vecchio disco in questo modo, facendo attenzione che la tabella delle partizioni venga creata in modo GUID (Per processori Intel) o APM (Apple Partition Map, per processori PowerPC)
Esci salle utility disco e apri Carbon Copy Cloner,
con CCC ti fai il clone del tuo DVD di installazione (o della immagine dmg) sulla partizione da 16G.
CCC ti permette di clonare sia l'immagine che l'immagine montata, devi clonare l'immagine montata.
A questo punto, se hai fatto tutto per bene, quando rimetti il tuo hard disk nel tuo mac ti si avvierà l'installazione.
Ognuno è come Dio lo ha fatto, ahimé...
...e spesso peggio.

Cervantes
mauropasha
Geniale
Geniale
Avatar utente
Iscritto il: sab, 07 giu 2008 15:51
Messaggi: 13902
Località: Milano, ma sono nato a Bari
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: La Mandrakata (creare una partizione senza DVD retail)

Messaggio Inviato: gio, 15 ago 2013 14:01

Per i dettagli leggere tutta la discussione
viewtopic.php?f=9&t=22197" onclick="window.open(this.href);return false;
mauro
se non sai cosa stai per fare, non lo fare
senza dimenticare che sbagliando s'impara
Rispondi