Salvataggio del contenuto del forum libreofficeforum.org

LibreOfficeForum è in funzione dal settembre 2010. È stato creato a causa della mancanza di supporto ufficiale durante la creazione del progetto iniziale di Libre Office (nato da un fork di Open Office). E’ articolato su 5 lingue: inglese, francese, italiano, russo e giapponese. Al suo interno ci sono sezioni dedicate ai campi in cui si articola la “suite” per ufficio: Writer (editor di testi), Calc (foglio elettrico), Impress (presentazioni), Draw (disegno), Base (database) e Math (formule). Si aggiungono sezioni dedicate alle Estensioni, alle Macro, alle novità, all’installazione e alla risoluzione dei problemi. Continua a leggere “Salvataggio del contenuto del forum libreofficeforum.org”

C’è crisi, ma non per tutti

La recente notizia, ricevuta direttamente dall’amico Giancarlo Fimiani (Amministratore e Responsabile Commerciale di R-Store) riguarda tutti gli utenti Apple della provincia di Avellino, che per provare un Mac, assistere a dimostrazioni degli ultimi prodotti Apple o partecipare a corsi sulle tecnologie Apple sono costretti a macinare diversi chilometri in direzione Napoli, Caserta o Salerno.
In alternativa c’è solo un negozio della catena Essedì dove comprare qualcosa, ma il confronto con un Apple Premium Reseller è impari.

R-Store, l’ormai principale catena di APR del mezzogiorno, ha sottoscritto un contratto di fitto per il negozio di Avellino, che sarà il settimo punto vendita della catena, riuscendo, in meno di 4 anni, ad aprire sette negozi APR, rifare completamente raddoppiando la superficie del primo e storico negozio di Via Nisco a Napoli e arrivare nel 2012 con una squadra composta da oltre 40 collaboratori.
R-Store vanta quattro negozi nei centri storici: due a Napoli, uno a Caserta e uno a Potenza; due negozi in altrettanti centro commerciali (uno a Pontecagnano -Sa- nel Centro Commerciale Maxi Mall e uno a Pompei -Na-nel nuovissimo Centro Commerciale La Cartiera) e ne stanno appunto aprendo un settimo ad Avellino.

In un periodo di crisi nera, come quello che sta attraversando l’Italia, si tratta innegabilmente di un grandissimo risultato. Tra i numerosi dipendenti di R-Store ci sono parecchi amici de iMaccanici, e questo fa di noi un unico grande gruppo di appassionati, con la possibilità di condividere al meglio le esperienze maturate nel settore informatico, dove dietro ad ogni mela mordicchiata c’è sempre un utente un po’ speciale, certamente diverso da chi non sa nemmeno la differenza tra un Mac e un PC.

Il negozio R-Store di Avellino aprirà nella centralissima (e pedonale) via dello shopping in Corso Vittorio Emanuele, la superficie complessiva sarà di circa 250 mq di cui circa la metà destinati alla vendita. Ci saranno da 4 a 6 nuovi occupati e aprirà ad Ottobre. Aggiornate il vostro curriculum, amici avellinesi!

personalizzare il mondo Apple

Girovagando su internet mi sono imbattuta in svariati siti stranieri che pubblicizzano incisioni laser sui Mac, di vario genere. Dall’iPod all’iPhone agli iBook ai iMac… tutto il mondo Apple può essere personalizzato ma all’estero… vivendo a stretto contatto con un’azienda di incisioni laser abbiamo iniziato a giocare e a fantasticare sulla questione. Come primo passo mi sono personalizzata il mio iBook!! Ho disegnato le immagini che volevo incidere e le ho date a loro… e meraviglia ho l’iBook più bello del mondo e che mi somiglia sempre di più!! Le dimensioni nn superano i 130 mm ma realizzando disegni che possono essere “tagliati ed uniti” si può arrivare a coprire le superfici che si vogliono. I materiali su cui si può incidere sono svariati, oltre le cover in plastica dei vecchi iBook, si possono incidere le nuove in alluminio e si può “giocare” su tutti i materiali che ci piacciono!! Dai caschi per la moto alle marmitte delle stesse, ai bicchieri! In pratica si può personalizzare tutta la casa!! I materiali incidibili sono tutti i metalli, trattati e non, e svariati altri fra cui: plastiche, vetro, pietre dure, stoffe, pellame, etc.

Praticamente sto incidendo tutto il mio studio! Ho fatto incidere tutte le mie moleskine, sto facendo regali divertenti e personalizzati in base a chi riceve! Una moleskine è uguale a tutte le altre ma con un disegno sopra diventa unica!

Per contatti: sinad@libero.it oppure irenedecaprio@hotmail.com

Gel detergente per apparecchiature elettroniche

TX Italia, azienda leader in soluzioni complete e innovative per il mercato retail, presenta Cyber Clean, l’innovativa “spugna gel” disinfettante che cattura polvere e elimina i germi dagli oggetti.
Il prodotto ideale per pulire i dispositivi high-tech dell’ufficio o quelli, sempre più diffusi, di uso domestico. Tastiere dei PC e notebook, telefoni fissi e cellulari, calcolatrici, stampanti, scanner, fotocopiatrici, sono tutti strumenti che notoriamente accumulano un’enorme quantità di germi.
Per tenere puliti ognuno di questi oggetti Cyber Clean rappresenta la soluzione più all’avanguardia del mercato: con una leggera pressione il prodotto si modella alla superficie su cui agisce, garantendo così la pulizia dei punti impossibili da raggiungere con una spugna normale, come ad esempio gli spazi tra i diversi tasti del keybord. Dopo il passaggio di Cyber Clean sui vostri dispositivi resterà solo un piacevole profumo di limone.
La polvere, i germi e la sporcizia in genere presente su oggetti tecnologici che utilizziamo quotidianamente da un lato costituiscono un vero e proprio rischio per la salute, dall’altro compromettono seriamente il buon funzionamento degli oggetti stessi.
Il prodotto sarà distribuito attraverso i canali della GDO, dove TX Italia è già presente, ma anche nei negozi per uffici, nelle tabaccherie e nelle cartolerie. Sarà distribuita una confezione ad hoc (1-5 kg) per le imprese di pulizia.
Il prodotto è disponibile in due diverse confezioni: il pacchetto Zip Lock (75 gr) e il pacchetto Office (135 gr), con un prezzo consigliato al pubblico rispettivamente di 4.99 Euro e 7.99 Euro. Cyber Clean è anche perfettamente adatto a un uso domestico. Televisori, telecomandi, telefoni e telefonini, lettori mp3, citofoni e soprattutto giocattoli, raccolgono in pochissimo tempo grosse quantità di polvere che non è facile eliminare con i mezzi tradizionali. Con conseguente danno per la salute dei bambini così come di tutti i componenti della famiglia. Anche in questo caso, l’innovativa spugna distribuita da TX Italia, con il suo gel disinfettante dal PH neutro, fornisce la risposta adeguata.
L’automobile è un altro spazio dove si accumulano germi e polveri che raggiungono i punti più impensabili. Ecco che Cyber Clean è disponibile anche in un kit pensato appositamente per le esigenze degli automobilisti.

The Pirate Bay, le foto dei server!

Il polverone scatenato dal primo ministro italiano (quello poco alto) e dal tribunale di Bergamo che ha ordinato il blocco per gli italiani del raggiungimento del sito, non ha fatto altro che aumentare la visibilità del progetto scandinavo ritenuto poco legale. The Pirate Bay, abbreviato TPB, è difatti un motore di ricerca che indirizza gli utenti verso il peer-to-peer, ma niente di più.
La stessa sorte, ma con metodi differenti e attacchi trasversali, hanno colpito TNT Village e Colombo, due popolari siti che fanno dello slogan “condividere non è rubare” la loro bandiera. L’amministratore del sito italiano ne parla QUI, proprio nella tana del lupo.
Incuriositi dall’azione legale italiana (che ha permesso l’etichettatura di fascista al nostro bel paese) abbiamo raggiunto il motore di ricerca incriminato tramite vari stratagemmi, da quelli più popolari con l’ausilio di numeri DNS alternativi o tramite i nuovi IP statici del sito.
Come regalo per averci seguiti anche durante le ferie, periodo per il quale non sono stai pubblicati articoli, abbiamo deciso di premiare i nostri lettori con una serie di foto inedite del “proprietario” scandinavo del sito di torrent.
…segueScavando tra gli IP di TPB è comparso un buco (o forse una “distrazione” dell’amministratore di TPB) dal quale è possibile accedere ad alcune foto che riguardano i vecchi server del sito thepiratebay.org, (attualmente un sistema raid ha sostituito queste macchine), fino all’accesso ad immagini recenti di qualche mese fa. Alcune immagini illustrano i server attualmente utilizzati per suprnova e il bayimg server, sempre degli stessi signori.
Molte altre foto sono raggiungibili per gli utenti che si sono loggati al sito de iMaccanici a partire da QUI.

Ci sono anche le foto delle vacanze in Sinai dalle quali hanno annunciato la nuova sede in Egitto dal 1 Aprile, bella data per un annuncio così importante! Sul sito sono pubblicate anche le risposte che lo staff di TPB ha dato alle Mayor che cercavano di intimidirli, non è esclusa Apple dall’elenco.
Per ovvie ragioni i volti delle persone fotografate sono stati “pixellati” per motivi, diciamo così, di sicurezza, e le foto più estreme non le abbiamo pubblicate, per questioni di bon ton.


– OraCle

Buone vacanze… a chi le fa!

Spegneremo i nostri Mac per tre settimane, ma solo per quanto riguarda articoli, hot news 24 e newsletter settimanali. Il forum sarà sempre visitato, le e-mail di assistenza saranno lette, la MacList continuerà l’attività e le risposte alle vostre domande certamente non mancheranno.
Come scritto sulla newsletter voglio sottolineare che il mese migliore per spegnere il computer è proprio questo, se non lo fate adesso non lo farete per un altro anno.
Vi ricordo che il caldo rappresenta il principale nemico dei componenti di un computer, per prevenire danni indesiderati basta seguire qualche semplice regola:

1) Spegnere il Mac (o metterlo in stop) quando non viene utilizzato.
2) Ridurre l’uso della CPU al minimo indispensabile.
3) Tenerlo alla giusta distanza da pareti e in un ambiente asciutto e ventilato, lontano da luce solare diretta, o lampade alogene.
4) Non utilizzate il portatile su superfici morbide, poiché possono impedire il corretto flusso d’aria, anzi, meglio se leggermente sollevato.
5) Pulire il computer nei pressi delle prese di raffreddamento con l’ausilio di aria compressa.
6) Evitare che i cavi siano arrotolati quando sotto tensione onde evitare pericolosi surriscaldamenti.

– OraCle

iPhone: è arrivato (anche a me)!

È il 10 Gennaio 2007 quando vedo Steve Jobs su Studio Aperto che annuncia il nuovo prodotto di Casa Apple: l’iPhone!
I rumor si erano concretizzati: era nato il “Melafonino”; purtroppo, però, il lancio non era previsto, nell’immediato, nella nostra cara Europa.
Abbiamo atteso, abbiamo sperato e nel frattempo ci siamo divorati tutte le immagini e le recensioni che ci venivano offerte dai media.
Ma finalmente lo scorso 11 Luglio, abbiamo potuto vivere l’emozione dell’arrivo di questo gioiellino anche nei negozi italiani.
Dopo l’annuncio al WWDC2008 ho contato i secondi che mi separavano da questo importante momento e nel frattempo ho cercato invano di trovare una forma di abbonamento che facesse al caso mio.
Alla fine ho deciso di acquistarlo a prezzo pieno, quindi l’ho prenotato al Centro Vodafone più vicino.
…segue
Mi sono quindi concesso una giornata di ferie dal lavoro e… solo alle 12,25 mi è giunto il messaggio dal negozio… volo! – chiuderà alle 12,30? – arrivo alle 12,40… ed eccolo lì, già mio, che mi attende nella sua elegante confezione.
Mi avvio verso casa più rilassato, pensando che solo pochi minuti mi separano dall’apertura di quella scatola, ma… niente da fare! Non resisto e… la apro!
È bellissimo, mi sorprende tuttavia il suo peso, ma non importa, è MIO!!

Lo collego al mio MacBook e, come previsto, fa tutto da solo, dall’account .mac a quello Google, dalla rubrica al calendario.
Abituato ai Nokia, ero preoccupato per le impostazioni dei servizi che rendono l’iPhone un vero gioiello, ma che dire, è bastato inserire un solo parametro, uno solo, per avere il mondo in tasca.
Il primo sito in cui sono entrato, con tanto di login, è stato proprio quello su cui sto scrivendo, la mia prima mail alla mia affezionata Lista de iMaccanici.
Funziona tutto a meraviglia.
L’AGPS mi sembra un po’ lento, ma, in considerazione del fatto che spesso qui viene a mancare la copertura 3G, non è male, ora resta da provare l’accelerometro!
Scarico “Crah Bandicoot Nitro Cart”… beh, sono senza parole, semplicemente spettacolare.
Tirando le somme l’unica “pecca” (a parer mio) è il peso dell’oggetto, per il resto posso dire che è valsa la pena aspettare tanto!

– Roberto