Un Pivot maniacale!

La ispanica No2 games ha rilasciato fin dal primo giorno di vita di Mac Apple Store, BasketMania, un gioco molto divertente per Mac, iPhone, iPad e Android. La cosa interessante è che il gioco è completamente gratuito ed assicura un bel pò di divertimento.
Il gioco parte dall’idea del Basket, ma sviluppa il suo gameplay in maniera più dinamica e divertente; non si tratta della classica partita di Basket, ma bisogna centrare il canestro da varie posizioni regolando la parabola che la palla dovrà fare ad ogni lancio. Infilando una serie consecutiva di canestri si ottengono punti bonus.
Il gioco presenta due diverse modalità di gioco: la prima “straight shots” è una modalità libera senza tempo dove bisogna realizzare quanti più canestri consecutivi possibile, la seconda “countdown” è una corsa contro il tempo (90 secondi) cercando di realizzare il massimo punteggio possibile.
Basketmania ha una grafica essenziale semplice e colorata. Per una strana ragione sembra molto più giocabile e preciso con il Trackpad (quello dei portatili oppure il magic trackpad) che con il mouse.
Basketmania alla lunga rischia di essere un tantino ripetitivo, ma resta comunque una tappa obbligata per “staccare un pò”… il tutto in maniera gratuita!
Disponibile comodamente per il download sull’App Store (per Mac) e su iTunes Store per i dispositivi iOS.

Emulatore per giochi Dos su Mac

Se è vero che i nostri switcher (utenti che abbandonano felicemente la piattaforma Windows verso il Mac) sono in tanti, allora è anche probabile che tra loro ci sia chi ha la nostalgia di vecchi giochi che hanno segnato la loro giovinezza e che giravano esclusivamente su MS-DOS (il vecchio Sistema Operativo di Microsoft trascinatosi fino alla fine del millennio scorso). Magari qualcuno ha ancora in soffitta un vecchio CD di installazione con Commander Keen, Epic Pinball, Underworld, un floppy contenente il suo giochino preferito ormai introvabile o semplicemente la voglia di fare un tuffo nel passato.
Esistono diverse soluzioni di emulazione (alcune open source), ma secondo le esperienze degli utenti la migliore è quella fatta con Boxer, il software creato da Alun Bestor che da oltre tre anni è in fase di sviluppo. Si recente si parla finalmente del rilascio definitivo della versione 1.0 (attualmente ancora in RC) che è disponibile per il download direttamente dal sito ufficiale dell’applicazione.
L’installazione di Boxer richiede Mac OS X 10.5 (Leopard), un semplice trascinamento ed offre una libreria di software (una semplice cartella creata nella Home) con le versioni demo dei giochi citati sopra, appoggiati su uno sfondo simile a quello degli scaffali di Delicious Library e iBooks.
Sempre dal sito ufficiale è possibile accedere ad altri software e ad un numero impressionante di risorse da scaricare. Una volta scaricato un gioco per MS-DOS in formato .zip sarà sufficiente aprirlo e rinominare la cartella scompattata aggiungendo l’estensione .boxer, dopodiché un doppio clic lancerà l’applicazione attraverso l’emulazione offerta da Boxer. Inoltre è possibile importare il gioco originale da cartelle o CD attraverso l’apposita funzione, impostare le caratteristiche hardware e software attraverso una finestra in stile HUD con le varie regolazioni di prestazioni (CPU, Mouse, Game e Drives).
In conclusione, Boxer probabilmente non servirà a nessuno tra la maggior parte dei Mac User tradizionali, ma potrebbe fare la felicità di quei pochi che rimpiangono il mancato porting del loro affezionatissimo gioco.

Sei solo un pezzetto di carne

La scena Indie ormai stupisce per qualità e genialità delle proprie produzioni, e quella di cui parliamo oggi è una di queste. Uscito prima su X-box Live e poi nel novembre scorso per le altre piattaforme, compresa una versione per il nostro OS preferito, Super Meat Boy ha stupito tutti. Si respira una follia di base che colpisce, follia che animava gli anni storici del developing videoludico.
Il Team Meat (letteralmente “Carne”), si compone di due soli programmatori: Edmund McMillen, fra i creatori del premiatissimo Braid, e Tommy Refenes, un trentenne che già aveva stupito per alcune app per iOS.
Il team è riuscito quindi a meravigliare critica ed utenza, sviluppando un platform 2D impegnativo, fruibile ed appassionante, un genere che addirittura Nintendo sembra aver definitivamente sepolto.
Un Super Mario “bastardo” insomma, pieno di schizzi, di sangue (della carne del personaggio principale – cioè un pezzo di carne); il tutto con uno stile grafico in Pixel Art, amato da chi ha vissuto e giocato i vecchi videogames.
La trama è quanto di più classico possa esserci: il malvagio di turno, il dottor Fetus ha rapito Bandage Girl, la fidanzata di Meat Boy, e quindi bisognerà salvarla attraversando oltre 350 livelli pieni di trappole e insidie.
Le musiche strizzano l’occhio ai vecchi platform bidimensionali reinventandoli in uno stile Metal. Ma se vi aspettate che il gioco faccia “sconti” a livello di difficoltà (come i giochi più moderni), vi sbagliate di grosso, l’osticità è ad un livello abbastanza alto e la maggior parte degli stage ha una complessità estrema, quella dei vecchi tempi! Quando i giochi più “difficili” erano anche quelli più alti a livello di sfida e di “bellezza”. Bentornati nel futuro-passato.
Super Meat Boy per Mac è stato realizzato grazie al lavoro di una community di Mac User, The Porting Team, che si occupa di fare il appunto il porting dei giochi su Mac. Nel forum di questi intraprendenti sviluppatori, è possibile accedere a numerosi giochi gratuiti per Mac, alcuni davvero rari, ma per poter “vedere” i link pubblicati nel forum, bisognerà essere utenti registrati con almeno tre messaggi scritti.
Il gioco costa 13,99 euro, in esclusiva su Steam, e sarà disponibile per Mac a breve, tramite download dal sito del rivenditore.
Abbiamo avuto la possibilità di provarlo in anteprima ed è stata una piacevole avventura. Se si dispone di un controller Logitech il gioco è giocabile al 100%, ma per qualche ragione da risolvere, la tastiera ancora non funziona. Si installa con un normale drag and drop ed il download pesa (o meglio peserà) oltre i 260MB.

Corri e segui la strada

Michael Burgdorfer e Mario von Rickenbach, una coppia di sviluppatori svizzeri di Zurigo, hanno rilasciato un’altra versione preliminare di Krautscape: un veloce gioco di corse arcade realizzato per Mac e PC.
La fantastica storia del gioco risale al lontano 1880, quando il dottor Konrad von Krautkopf ideò la Krautomobile, un veicolo ad alta tecnologia; un innovativo mezzo di trasporto che avrebbe potuto unire le qualità dell’automobile a quelle dell’aereo, ma purtroppo la sua invenzione non venne mai accettata dal pubblico. Forse perché era troppo avanti per l’epoca, forse perché il nome non era stata la scelta migliore. Amareggiato dal fallimento cominciò ad immaginare un mondo migliore dove proprio la sua “Krauto” potesse meritarsi una vita più significativa ed emancipata: Krautscape.
La visione di Konrad von Krautkopf è diventata realtà, ma solo all’interno di questo gioco, dove prende vita la sua creatura in base ad improbabili disegni ritrovati. Questo videogame offre opzioni di gioco multiplayer e la generazione dinamica dei circuiti, in un sistema ludico davvero promettente e unico: il leader della gara, dal momento che si trova in testa, è in grado di controllare la direzione della pista a proprio vantaggio, ma gli inseguitori possono prendere scorciatoie, aprendo le loro ali e spostandosi da un elemento del tracciato all’altro volando per brevi tratti.
Krautscape permette di far giocare contemporaneamente fino a 4 utenti. È sufficiente avviare un server ed aspettare che gli amici si connettano. L’ultima release (la versione Alpha 3 della settimana scorsa) ha migliorato il Gameplay nella fisica delle auto e la gestione dell’energia; la dimensione del download è scesa da 70MB a 22 (grazie ad una migliore compressione dell’audio); infine sono stati risolti problemi di Network, di suono e di interfaccia grafica.
Questo video caricato su YouTube illustra chiaramente le potenzialità del gioco, che è ancora in fase di sviluppo, come ricordano i developer elvetici. Krautscape è disponibile per il download dal sito ufficiale e richiede un Mac PPC o Intel con almeno Mac OS X 10.4 installato.

L’avventura di Dafne

Ancora Big Fish Games ha aggiornato il suo Mystic Inn alla nuova versione 2. Il gioco vede come protagonista la bella cameriera Dafne, che da quando s’è fermata a lavorare in questa piccola locanda, ne è rimasta praticamente stregata, al punto da sentirsi prigioniera ed in preda a grandi tormenti! Ma per fortuna la soluzione per spezzare l’incantesimo c’è ed è abbastanza semplice: sarà sufficiente servire e soddisfare tutti i clienti finché la locanda non sia stata completamente rimessa in sesto! Mystic Inn trascina l’utente in un’ambiente magico dalla grafica accattivante e una atmosfera medievale fantastica, per aiutare Dafne in più di 50 livelli e 5 capitoli completamente animati, a servire velocemente tutti i clienti e preparando pozioni magiche per raggiungere l’obiettivo, con tanto di servizio a domicilio.
Anche Mystic Inn 2 costa poco (appena 6,99 dollari) ed è un rompicapo punta e clicca; bisogna sempre avere una buona padronanza dell’inglese per giocarci non essendo localizzato in italiano.
Il gioco richiede Mac OS X 10.4 per funzionare (meglio se 10.5), un processore PPC o Intel da 1.83GHz e 512MB di Ram. È disponibile disponibile per il download in versione Demo, che permette di utilizzarlo in una sessione da 60 minuti. L’installazione è piuttosto invasiva ed assistita da un Game Manager, per la rimozione completa è consigliabile utilizzare AppTrasher e AppTrap insieme.

Giocare la musica

Quelli della nostra generazione ricorderanno sicuramente Wipeout, un avvincente videogioco di corse per la PlayStation con astronavi anti gravità. MusicRacer è molto lontano per essere paragonato a questo cult, ma in un certo senso ne riprende alcune idee, come il veloce veicolo e l’ambientazione esasperatamente futuristica, ma ne sviluppa di nuove ed interessanti.
La particolarità di questo gioco è che i circuiti da corsa sono creati sulla base dell’analisi dello spettro musicale della traccia audio che gli si da in pasto. È possibile selezionare un file audio (a scelta tra i formati Mp3, Ogg o Wav con l’ultima aggiunta del supporto ai FLAC) e godersi il proprio circuito personale generato ad hoc.
Il campionato di corse, tra i più importanti nella galassia, è ambientato nell’anno 4600 (!) e richiede la raccolta di alcuni oggetti dalle forme geometriche che permettono di acquisire punti, senza i quali la nostra colonna sonora subirà un inesorabile rallentamento, con conseguente perdita di punteggio. Bisognerà anche evitare ostacoli mortali, perciò, prima di affrontare il campionato vero e proprio, sarà meglio allenarsi con una simulazione per effettuare il giusto addestramento al gioco.
MusicRacer è disponibile per il download gratuito dal sito ufficiale o dal sito Apple, richiede Mac OS X 10.5 o successivi e non richiede particolari risorse hardware. Chi vuole può guardare un filmato del gioco su YouTube.

Caccia al tesoro sul mare

Negli ultimi giorni Big Fish Games ha aggiornato alla versione 2.0 la maggior parte dei titoli per Mac, tre questi c’è Twisted Lands: Shadow Town Collector’s Edition, che inizia come un’innocua caccia al tesoro sul mare, ma rapidamente si trasforma in un’avventura oscura e inquietante in terre inesplorate. Bisogna trascorrere il tempo a cercare di svelare il mistero che circonda sia la scomparsa del proprio partner, che l’ambiente decadente in cui ci si trova improvvisamente immersi.
L’avventura ha inizio quando, abbandonati e senza alcun equipaggiamento, si sbarca su una spiaggia deserta e piena di segreti: si attraverseranno navi abbandonate, case infestate, inquietanti boschi, chiese agghiaccianti, labirinti e altro ancora…
Gli unici aiuti arriveranno dagli indizi lasciati dai precedenti occupanti, tramite giornali, riviste ed eventi inspiegabili. Al termine della storia principale, si avrà accesso ad un capitolo bonus che introduce una storia secondaria, rendendo il gioco particolarmente longevo. Il gioco promette sensazioni forti, emozioni improvvise e tanta paura.
Twisted Lands: Shadow Town è un rompicapo punta e clicca; bisogna però avere una buona padronanza dell’inglese per giocarci, poiché non è localizzato nella nostra lingua.
Il software richiede un Mac con processore Intel e Mac OS X 10.5 o successivi per essere installato. Costa meno di 15 dollari ed è disponibile per il download in versione Demo, che permette di utilizzarlo in una sessione da 60 minuti. L’installazione è piuttosto invasiva ed assistita da un Game Manager, per la rimozione completa è consigliabile utilizzare AppTrasher e AppTrap insieme.