C’era una volta Microsoft

C’era una volta Microsoft… e molto dopo veniva Apple.
La compagnia fondata dal Bill Gates, nata proprio sulle spalle di Apple si è imposta nelle ultime due decadi come la più importante realtà di capitalizzazione borsistica del comparto IT americano e mondiale. In realtà è stata lungamente una delle Star della borsa americana in termini di capitalizzazione azionaria, battuta solo dal gigante del petrolio Exxon Mobil Corporation.
Nel contempo Apple si dibatteva tra la vita e la morte: più di un analista dava la compagnia per decotta, prossima alla liquidazione; ma nell’ultimo decennio qualcosa è cambiato, e così nel primo pomeriggio di ieri, una normale giornata di scambi borsistici (complice una piccola perdita di appeal del titolo Microsoft che ha ridotto il valore della capitalizzazione del mercato a solo 226.3 miliardi di dollari) Apple ha effettuato il sorpasso.
Con un valore di borsa pari a 227.1 miliardi di dollari Apple supera Microsoft per la capitalizzazione del titolo e diviene la società numero due della borsa americana!
Questo evento segna anche il passaggio da una visione del mondo dell’informatica fortemente propugnata da Microsoft che ha sempre pensato al computer come una sorta di raccoglitore da ufficio con macchina da scrivere incorporata, a quell’idea di vita digitale, fortemente propugnata da Apple in cui il computer è un estensione della casa o dell’ufficio o del tuo corpo, il cui compito è di aiutarti nel fare quello fai, qualunque cosa essa sia, e nel farti divertire a farla…
Auguri Apple per questo ulteriore primato.
ellemme
Fonte: New York Times