Un browser giovane, per macchine mature

Come si fa a non voler bene ai ragazzi di TenFourFox?
Aprite la loro home page e leggete quello che scrivono…
Sono fra i pochi che considerano ancora importante dare una dignità ai nostri stupendi Mac PPC, ed hanno perciò colmato la terribile lacuna lasciata da Mozilla. Nero su bianco, sul sito di Mozilla, c’è scritto che dell’architettura PPC non interessa più nulla a nessuno, per cui il supporto è cessato con Firefox 3.6.
Firefox 4.0 per PowerPC? Nisba!
Invece ecco che arriva TenFourFox, una versione di Firefox per PPC, anzi tante diverse versioni, ognuna ottimizzata per un diverso tipo di processore, compatibili con Tiger, Leopard, ma anche con macchine Intel (grazie a Rosetta) fino a Snow Leopard.
La scarico e la provo subito, e dopo un paio di giorni le ho dato l’onore di diventare il browser di default. Perché?
Semplicemente perché funziona meglio di Safari, è più veloce nella navigazione e meno affamato di risorse. L’ho provato con pagine terribili, come quella del corriere della sera, ed anche con pagine strane, Bullettin Boards, Virtual Private Networks, Web Access Emailer… Funziona tutto.
Avete un PowerMac? un iMac G3, G4 o G5? Un Powerbook? Scaricatelo e provatelo! Grazie a Cameron Kaiser, David Fang. Edwin Smith, agli amici di LowEndMac e 68KMLA.
TenFourFox richiede Mac OS X 10.4.11 o Mac OS X 10.5.8, 100MB di spazio libero su disco e 256MB di RAM. Per la riproduzione fluida dei filmati si consiglia almeno un processore G4 a 1.25GHz. Per la gioia e l’orgoglio degli sviluppatori, le macchine Intel non sono (e non saranno mai) supportate nativamente. Per inciso, se avete una vecchia macchina con Mac OS 8.6 fino a Mac OS 9.2.2, oppure Mac Os X fino alla 10.3.9, c’è una risposta anche per voi.

Alternativa flessibile a SpotLight

Avete problemi a tenere in ordine i dati?
Siete degli sviluppatori che dimenticano dove hanno dichiarato le variabili?
Non ricordate quante sono le ricette che usano la cannella come ingrediente, e che avete memorizzato nel Mac di vostra suocera collegato in rete con il vostro?
Xtralean, già famosa per ImageWell e ShutterBug, propone per soli 9.95 dollari un’alternativa migliore e più flessibile a Spotlight. In effetti, DataLore è un file manager alternativo al Finder, ed incorpora la funzione di ricerca, con un front-end abbastanza simile ad Explorer sotto Windows.
L’utilità di raggruppare Spotlight e Finder nella stessa finestra rende l’uso agevole, soprattutto per quelli che trovano scomodo andare a cercare le utilities in un punto dello schermo lontano dal contesto in cui si opera.
Inoltre, DataLore permette di selezionare il contesto in cui viene effettuata la ricerca, permettendo di scegliere l’unità disco locale, esterna o addirittura remota via rete.
Potete vedere DataLore in azione seguendo questo link http://datalore.ca, mentre potete acquistare il prodotto direttamente dal sito della Xtralean o effettuare il download della versione di prova della durata di una settimana.
Dulcis in fundo, DataLore è gratuito nella versione 1.1 per utenti Mac PowerPC.