Snow Leopard sotto controllo

Se vi piace tenere sotto controllo il vostro Mac la risposta è iStat Menus, sviluppato da iSlayer (che da anni sviluppa Widget di Dashboard e applicazioni iPhone), giunto da poco alla versione 2.0 e compatibile col nuovo Snow Leopard. iStat menus si insedia nei pannelli di controllo delle Preferenze di Sistema ed aggiunge alla barra dei menù ben 8 display di vari tipi così da poter scegliere quello che vi sembra più utile.
Ecco cosa aggiunge iStat menus:
CPU: visualizza la temperatura, il carico e le informazioni relative ad esse.
Dischi: controllo dello spazio libero e il carico dei vostri Hard Disk.
Network: controlla la banda e gli indirizzi IP.
Ram: misura l’impiego della memoria Ram e la memoria di Swap.
Temperatura: questo display controlla la temperatura e se prende fuoco vuol dire che c’è qualche problema di surriscaldamento.
Ventole: permette di controllarne la velocità e di modificarla a piacimento.
BlueTooth: vi permette di monitorare lo stato del bluetooth e di verificare la carica delle batterie del mouse e della tastiera.
Orologio: se non vi piace quello di Apple offre una più completa alternativa.
iStat Menus 2.0 è un software gratuito ed è disponibile per il download dal sito del produttore. Il software richiede Mac OS X 10.5 o successivi, l’inserimento della password di amministratore ed include la comoda funzione di uninstall.

Recensione MaxBulk Mailer per Mac

Cosa fa MaxBulk Mailer?
Lo scopo di questo programma è evidente già dal nome: consentire di inviare e-mail, sia in formato “solo testo”, che in formato “testo + HTML” che in formato HTML puro, ad una lista di destinatari anche molto ampia. Per far questo avete a disposizione una intuitiva interfaccia a pulsanti che vi guida passo passo nella compilazione dell’e-mail, nell’aggiunta degli indirizzi, nel primo controllo, nell’invio. Una utile funzione vi consente anche di tener traccia di eventuali problemi sorti durante l’invio.

Usiamolo!
Iniziare ad usare MaxBulk Mailer è questione di pochi minuti. Una volta scaricato il programma, che gira sia sotto Mac OS 9 che sotto Mac OS X, potete subito mettervi all’opera. Il programma, in piena filosofia shareware, è pienamente utilizzabile anche senza registrazione; tuttavia alcune limitazioni, come il ritardo di alcuni secondi all’avvio ed un messaggio che apparirà tutte le volte che invierete e-mail con questo programma dovrebbero spingere gli utenti interessati, a registrarsi. Ne vale proprio la pena.

Al lavoro…
Vediamo come costruire ed inviare il nostro messaggio.
Segue la mini recensione…
Si parte, come è ovvio, dalla finestra di “Composizione”. Qui potrete costruire il vostro messaggio, sia in semplice testo, che in testo misto ad HTML, che, infine, in HTML puro. Il programma vi consente una minima possibilità di editare direttamente. Tuttavia, soprattutto per la scrittura dell’HTML, vi consigliamo di affidarvi ad uno dei tanti programmi per la scrittura del codice HTML (eccetto Front Page se lo doveste fare da un PC). La funzione di Mail merge vi permetterà di personalizzare la vostra e-mail con tantissime opzioni: pensate alla possibilità di inserire il nome del vostro destinatario, anzichè un generico “caro amico” o “gentile cliente”. Il programma prenderà i dati dai vostri archivi e li inserirà, automaticamente, nella vostra e-mail. Direte addio alle email anonime e tutte uguali per personalizzarle, una ad una con ben 23 possibili opzioni. Un piccolo difetto se, proprio vogliamo trovarlo in quest’area del programma, è l’assenza di alcuni basilari elementi per la “personalizzazione” delle email in HTML e per il controllo dei tag HTML, ovvero della loro corretta chiusura tale da rendere la visualizzazione dell’e-mail già corretta.

Tanti destinatari, un semplice clic
Completata la scrittura del messaggio, potrete inserire i destinatari cui inviare la vostra comunicazione. Se disponete di un archivio, come la Rubrica Indirizzi di Mac OS X, il programma prenderà i dati necessari, (nome, cognome ed e-mail) e li predisporrà all’invio. Ovviamente potrete intervenire, raggruppare ed anche personalizzare le vostre liste, così da poter gestire più gruppi diversi.

Anteprima, guardare prima di inviare
Una volta completata la scrittura del vostro messaggio potrete visualizzarlo con una comoda funzione di anteprima così da controllare come apparirà la comunicazione ai vostri amici, utenti o clienti che siano. Se avete predisposto un’e-mail in HTML, potrete visualizzare l’anteprima direttamente sul browser così da controllare eventuali errori del codice e la sua corretta visualizzazione. La funzione di anteprima si presenta estremamente semplice ed allo stesso tempo molto funzionale.

Log, controlliamo lo stato delle spedizioni
L’ultimo atto necessario al buon fine della spedizione è il controllo dell’assenza di errori. A questo fine esiste un’ultima finestra in cui vengono raccolti l’esito della spedizione e gli eventuali errori. Anche questa finestra risulta di estrema utilità per raggiungere il nostro fine, inviare la nostra comunicazione a tutti i destinatari.

Massima flessibilità su tutti i sistemi
Un’ultima doverosa nota positiva è legata alle richieste del programma, che sono abbastanza limitate. Questo potrebbe consentirvi di recuperare anche un vecchio Mac, magari dotato di una vecchia versione di Mac OS (fino alla 8.6) da destinare, esclusivamente, a questa attività. È sufficiente un PowerPC, 32 MB di RAM e 10 MB di spazio su disco, oltre che, ovviamente, un collegamento ad Internet.

MaxBulk Mailer è disponibile in italiano da Italiaware, in due versioni: Standard 34,90 dollari e Pro a 44,90 dollari (la versione Pro ha più funzionalità di mail-merge).

Sulle pagine di Italiaware c’è anche un manuale consultabile online: Pubblicare una newsletter – Guida pratica online, per imparare finalmente i segreti della specialista di marketing Alexis Dalianis, della alexis marketing!

Presso Italiaware è disponibile anche Amadeus, software per la registrazione ed il ritocco audio, CADintosh per il disegno tecnico 2D, DiskTracker per la catalogazione dei vostri supporti magnetici, DragThing, l’evoluzione naturale del Dock di Mac OS X, URL Manager e Web Confidential, per catalogare bookmark in modo semplice e pratico, Web Dumper, per scaricare siti web e consultarli offline sul proprio disco rigido, ed iCash, il miglior gestore delle tue finanze personali, e tanti altri ancora.

MaxBulk Mailer è immediatamente disponibile per il download dal sito: www.italiaware.net

— Antonio

Masterizzatore Blu-Ray per Mac

Molti utenti si aspettavano un nuovo portatile Apple, magari di punta, dotato di drive Blu-ray (complici anche alcuni rumors diffusi in rete), ma durante l’evento del 14 ottobre Jobs non si è pronunciato in merito. Fortunatamente chi proprio non può rinunciare a questa tecnologia, ancora costosa per verità, può affidarsi ad un prodotto esterno annunciato qualche giorno fa da Amex Digital, un’azienda di Hong Kong che venderà un drive Blu-ray molto compatto e simile nel design al bellissimo lettore esterno venduto da Apple (venduto esclusivamente per il MacBook Air).
Pare che Steve Jobs abbia dichiarato che a frenare l’adozione del Blu-ray sia stato l’influente costo di licenza, affermando che al momento su iTunes sono disponibili le migliori opzioni per i film in alta definizione. Stranamente lo stesso problema non se l’è posto la Amex, che con il suo drive esterno offrirà una valida alternativa ai contenuti in HD acquistabili sullo store di Apple.
Il Portable Blu-ray Super Multi Drive di Amex (disponibile in due versioni, solo lettore a 289 dollari e masterizatore a 389 dollari) viene offerto in due colorazioni, nero e bianco, supportando le tecnologie Quiet Drive e Liquid Crystal Tilt/Blur Compensator per una maggiore precisione in fase di registrazione e riproduzione.
Il masterizzatore è studiato, oltre che per riprodurre film in HD, anche per effettuare in maniera efficace il backup dei dati; può incidere sia dischi a strato singolo che a doppio strato, cioè fino a 50GB di dati su ciascun disco BD-R.

Nascondere cartelle e file sul Mac

Secret Folder consente di nascondere una cartella e il suo contenuto, fornendo un modo facile e veloce per proteggere documenti ed evitare che siano visti, modificati, o cancellati da altri utenti.
È un programma veramente semplice da usare e può essere protetto da una password in modo che altre persone non possano accedervi.
La funzionalità “Richiedi password” permette di proteggere l’applicazione con una password. Se questa opzione è attiva, all’apertura dell’applicazione comparirà un box di dialogo per la password. Per avere accesso all’applicazione sarà necessario inserire la password corretta.
Questo programma utilizza la funzionalità standard del Sistema Operativo di rendere i file e le cartelle invisibili.
Programmatori ed utenti esperti possono avere accesso a una cartella o a un file reso invisibile. Inoltre ci sono delle applicazioni che permettono all’utente anche di aprire file invisibili. Per livelli avanzati della protezione dei dati ci sono altri metodi disponibili come la protezione di informazioni su di un media removibile o l’utilizzo di Mac OS X FileVault. Per saperne di più riguardo la protezione di informazioni su media removibili o FileVault consultare la guida di Mac OS X.
Requisiti di sistema:
Ogni Macintosh, Power Mac, iBook, PowerBook, eMac, iMac, Mac mini, MacBook, MacBook Pro e Mac Pro dotati di Mac OS X 10.4 o successivo.
Potete scaricarlo dalle pagine del sito sito Apimac o da questo link diretto.