a Napoli con Apple
dal 1986

Benvenuto su iMaccanici Assistenza Mac
mercoledì, 23 agosto 2017__02:25

Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Sei più bravo con i piedi o con le dita?


Chi possiede un Magic Trackpad o un portatile Apple con almeno Mac OS X 10.6, dovrebbe provare l'ultima creazione di Illusion Labs per Mac. Il primo gioco di skateboard che sfrutta con astuzia il trackpad Multi-Touch. Il software per Mac è stato rilasciato gratis dalla casa svedese per celebrare il successo di Touchgrind e Touchgrind BMX per iOS.
L'idea è geniale: unisce le tecnologie moderne offerte da Apple ai migliori passatempi di qualche decennio fa, quando c'erano quei portachiavi a forma di skate, da muovere con le dita (filmato).
Inizialmente si dovrà prendere confidenza con i controlli, poiché i giocatori tradizionali sono abituati all'utilizzo di mouse o tastiera, ma come si legge dalle opinioni degli utenti, dopo poco (al massimo 10 minuti) ci si diverte già. Il gioco vanta una simulazione fisica realistica; per fare i tricks migliori bisogna effettuare proprio gli stessi movimenti che si fanno nella realtà, usando però le dita.
Lo sport californiano, che è entrato nella storia fin dagli anni sessanta, andrebbe praticato anche dal vero (da chi ha la fortuna di poterlo fare), perché se è divertente farlo con le dita, è certamente più salutare mettere i propri piedi su una vera tavola munita di quattro ruote e praticare lo skateboarding reale. Senza dimenticare le indispensabili protezioni (polsiere, gomitiere, casco, ginocchiere e cavigliere).
Touchgrind è disponibile gratuitamente per il download dal Mac App Store con installazione "assistita" e pesa poco più di 10MB.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

La guerra non è un gioco…


La guerra non è un gioco, ma questo gioco è la guerra, come si dice dalle nostre parti. Si tratta di un velocissimo "shooter" in terza persona, che offre azioni sanguinarie, sdrammatizzate dal design in stile giocattolo/fumettistico e dalla mancanza dei volti umani, dove comparse e protagonisti sembrano semplici pupazzi animati, quasi in stile Lego.
L'utente vestirà i panni dell'ultimo sopravvissuto di una squadra d'assalto militare, circondato dal deserto in Medio Oriente, con il compito di mantenere la posizione nella battaglia feroce contro i ribelli terroristi e salvare i civili che si trovano nelle zone più rischiose del villaggio. Quello che rende importante questa location è la presenza di preziosi pozzi petroliferi e pozzi d'acqua potabile. Tra le case abbandonate di una città piena di barricate, c'è una tenda militare dove una radio è in attesa di ricevere e trasmettere richieste d'aiuto.
Il gioco appartiene al genere Indie (sviluppatori che non vantano enormi budget di produzione, ma solo tanta passione), è sviluppato da Sakari Indie Games e si propone come uno dei più ambiziosi tra gli sparatutto in terza persona; anche se lontano dalla perfezione, riesce comunque a distinguersi dalla massa.
Foreign Legion: Buckets of Blood vanta un'introduzione semplice, grazie all'innovativa progettazione di gioco con colonne sonore in continua evoluzione, situazionali e dinamiche; diversi tipi di avversari; un variegato arsenale di armi, tra cui quelle aeree; diversi livelli di difficoltà.
Il gioco, recentemente aggiornato alla nuova versione 2, è disponibile per l'acquisto sul Mac App Store e su Steam (a prezzi leggermente diversi, mentre è ancora disponibile per il download una demo della versione precedente sul sito MacGameFiles.
Al basso prezzo a cui è venduto, è davvero consigliato l'acquisto, ottimo per chi vuole provare a sfogarsi dopo una giornata troppo nera.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Una moto acrobatica


La software house baKno ha aggiunto un nuovo gioco al suo già vasto catalogo di prodotti per Mac, Windows e iPhone.
Motorbike, il cui nome è fin troppo diretto, è un divertente gioco con grafica 3D, ma che fondamentalmente si gioca in due dimensioni, con una dinamica fisica reale e percorsi sempre più difficili da affrontare.
Il gioco offre tanta azione, 40 tracciati originali, diversi piloti e differenti ambientazioni. C'è inoltre la possibilità di creare nuovi circuiti, con un track editor integrato, per usarli e condividerli con altri giocatori online.
Dopo qualche minuto di utilizzo l'accanimento diventa tale che bisogna avere un buon autocontrollo per non trascorrere ore davanti al computer, specialmente quando si inizia disegnare la propria strada, sfidando ogni regola gravitazionale. Le rovinose cadute del motociclista serviranno ad insegnarci gradualmente a padroneggiare il mezzo fino a riuscire a compiere vere imprese, come saltare complicati ostacoli o camminare su rocce impervie.
Motorbike gira su Mac PPC e Intel con almeno Mac OS X 10.4. Costa 9.95 dollari, ma sul Mac App Store si può trovare, ancora per poco, ad un prezzo quasi dimezzato. È disponibile per il download in versione demo, dove la gara viene interrotta sempre sul più bello, ma non c'è scadenza sulle tracce disegnate dall'utente.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Rilassante e colorato


Devo ringraziare l'ottimo Store News, recensito da Matteo su iMaccanici, che mi ha segnalato la presenza di questo gioco e soprattutto il fatto che fosse rilasciato gratuitamente sul Mac App Store per un breve periodo di tempo.
L'insieme delle regole di gioco è molto semplice: ci sono delle forme che rievocano nella disposizione i blocchi del mitico Tetris, e degli spazi vuoti da riempire (nulla di più semplice), ma la cosa interessante che il tutto è realizzato tecnicamente in modo valido ed il risultato è molto accattivante. Si gioca con il mouse (o la trackpad) cliccando sugli oggetti scelti e trascinando la vernice per unirli tra loro, fino ad ottenere le forme obbligate.
Astroslugs ricorda un po' 7 Wonders of the Ancient World e un po' Bejeweled, come detto poc'anzi anche un po' Tetris, ma logicamente non è nulla di tutto questo. La difficoltà di gioco è dosata in ottimo modo, facendo apprendere nei primi livelli le meccaniche di gioco e poi proponendo mano mano livelli più ostici.
La longevità è buona, assicurata da una ottantina di livelli base ed una ventina di livelli bonus. Il prezzo contenuto (al listino 9,99 euro) lo mette di sicuro fra i titoli da avere per ogni buon appassionato di puzzle.
Su YouTube è possibile vedere il filmato della presentazione del gioco ad alta risoluzione. Astroslugs è disponibile per il download anche in versione demo (30 minuti di gioco per volta) dal sito ufficiale e richiede Mac OS X 10.5 o versioni successive.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

AppMania, sempre più giochi per Mac


AppMania, una delle poche software house ucraine specializzate in sviluppo e scrittura di applicazioni per piattaforme mobili (iPhone, iPad, Android), ha recentemente iniziato a rilasciare una serie di giochi per Mac OS X davvero degni di nota ed a buon mercato (ma i prezzi cambiano continuamente).
BattleSheep colpisce per la sua originalità: la civiltà delle pecore è sopravvissuta ad una catastrofe terribile, ma ora soffre di lotte civili e guerre per la conquista del territorio. È inutile affidarsi alla giustizia, perché qui tutto viene risolto con la forza bruta a base di esplosivi. I nemici sono tanti, aggressivi e instancabili, crescono in numero ad ogni nuovo livello. Bisognerà consegnare le bombe al nemico a pochi istanti dall'esplosione, cercando logicamente di non rimanere feriti. Per fortuna che c'è la cassetta di pronto soccorso ad allungare l'unica vita a disposizione per vincere la guerra. Attualmente è disponibile gratuitamente per il download sull'App Store di Apple.
Demolition Master (2,39 euro) è stato scaricato oltre 500.000 volte su App store, e un motivo ci dovrà pur essere! Un viaggio emozionante sulla Terra (135 livelli) e sulla Luna (75 livelli) con lo scopo principale di demolire palazzi tramite gli esplosivi, cercando di sprecare meno materia prima possibile. Esplosioni drammatiche, luoghi curiosi in tutto il mondo accompagnati da una musica incantevole… l'adrenalina e la fame di vittoria sono le sensazione che faranno di voi un maestro delle demolizioni.
Iron Wars è un gioco sparatutto tridimensionale, dove l'obiettivo principale è quello di sopravvivere tra labirinti pieni di trappole esplosive e nemici estremamente intelligenti. Il gioco è perfetto per chi ama i giochi "corri e spara" contando su oltre trenta livelli, nove mappe diverse, tre modalità di gioco anche multiplayer in rete locale Wi-Fi (compresa l'interconnessione con dispositivi iOS); una vasta gamma di armi completano la dotazione (tra pistole, fucili, fucili al plasma e lanciarazzi) al prezzo lancio di appena 0,79 euro.
Cats, Inc invece non si basa su miscele di polveri piriche, ma è la storia di tre gatti e delle salsicce. I gatti vogliono mangiarle, ma non sono abbastanza furbi per riuscire a procurarsele da soli e c'è bisogno del nostro aiuto per compiere la missione.
In questo puzzle game, basato sulla fisica, l'obiettivo è portare i gatti ai livelli successivi, raccogliendo salsicce e superando gli ostacoli. Ciascuno dei tre gatti ha alcune abilità speciali e sarà necessario capire quali usare in ogni occasione. Trenta livelli di difficoltà crescente dovrebbero garantire ore di divertimento per grandi e piccoli Mac User. Costa 1,59 euro.
Tutti i giochi per Mac prodotti dalla società con sede a Kiev, hanno la possibilità di cambiare la modalità di visualizzazione da finestra a schermo pieno con l'abbreviazione da tastiera Mela+f (Command+f).
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Genitori e figli


Non c'è nulla di più tenero che vedere un'austera mamma Maccanica o un burbero papà Maccanico alle prese con il loro mucchietto d'ossa davanti al monitor del proprio Mac oppure allo schermo del proprio iPad… e l'iPhone, diranno i miei piccoli lettori, (che Carlo Collodi mi perdoni!)…Sì, certo, anche l'iPhone… ma è più semplice immaginarsi un genitore ed il proprio bimbo che giocano insieme con uno schermo più grande…, tuttavia, anche se avete solo l'iPhone, purché il vostro terminale supporti la 3.1.2, continuate pure a leggere.
L'App Store è il grande negozio dove si trovano molteplici soluzioni per il lavoro e/o svago sotto forma di applicazioni, alcune delle quali dedicate all'educazione e alla crescita dei propri figli e tra queste volevo segnalarVi Baby Animals Match della Tantrum Solutions Limited, casa londinese specializzata nello sviluppo di applicazioni a scopo educativo e formativo per bambini.
L'app quivi recensita è, in realtà, riservata ai bambini in età prescolare e… agli adulti! Prego?! E cosa hanno in comune? Lasciatemi finire… visto che è localizzata in inglese soltanto, a quegli adulti che non conoscono l'inglese, ma anche a quelli che pur conoscendolo, non sono madre di madre lingua anglosassone… a patto che vogliano provare ad imparare qualche parola. Si tratta di un curioso e simpatico giochino puzzle mnemonico, in cui avremo un numero variabile di tessere coperte che, una volta scoperte, mostrano il disegno di un animale adulto o di un cucciolo. Lo scopo del gioco è accoppiare ad ogni tessera scoperta il corrispettivo ascendente o discendente. Finché non si azzecca la combinazione giusta, solo due tessere per volta rimangono scoperte, mettendo alla prova la vostra memoria visiva (si consigliano i genitori di giocare dopo aver bevuto, almeno si potrà attribuire al tasso alcolemico la responsabilità del proprio insuccesso, preservando la propria autostima).
La singolarità di Baby Animals Match sta nella multimedialità della stessa che produce un suono con il nome dell'animale raffigurato nella tessera, sicché piccini ed adulti possano impararne, non solo la corrispettiva traduzione inglese, ma anche la pronuncia, che è molto British. Quando l'accoppiamento delle tessere risulta corretto un simpatico suono ci informa, anche se, a mio avviso, questo suono risulta, alla fine, solo simpatico e costituisce un difetto, perché ne copre la pronuncia. Ma non tutto è perduto; perché, a giochino ultimato, si assiste ad una ripetizione del gioco con la pronuncia indisturbata dei nomi associata ad un'animazione della tessera.
La softwarehouse ha fatto le cose per bene, considerando la piccola età del target cui è dedicata: il menu è limitato al minimo; l'applicazione si apre ed occupa tutto lo schermo, nascondendo così tutto il resto, evitando di offrire distrazioni di sorta ai piccoli utenti. Appare come una lavagna delle nostre scuole elementari, all'interno della quale sono disposte le tessere da scoprire, che vanno da un minimo di 4 ad un massimo di 24. Questa opzione si può modificare da tastiera con la combinazione cmd+h, che è in realtà l'unica opzione esistente, se si eccettua cmd+q utilizzata, come avrete già capito, per chiudere il programma.
Non c'è altro: solo il mouse e il vostro mucchietto d'ossa.
La versione per Mac OS X necessita la 10.6.6, pesa 5,5 MB ed è gratuita, mentre per iOS esistono due versioni, per iPhone ed HD per iPad, che costano rispettivamente 0,79 e 1,59 euro.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Nella mia città c'è una casa bianca


LinCity-NG (versione più moderna di LinCity) è un clone open source di SimCity, il gioco dei primi anni 90 che per un decennio, nelle sue varie incarnazioni, ha dominato il settore dei videogiochi manageriali.
Le regole sono le stesse: bisogna creare una nuova città partendo dal nulla o da una città già esistente. Il giocatore dovrà vestire i panni del primo cittadino e decidere sulla costruzione di negozi, fabbriche e palazzi, tenendo conto però del budget a disposizione.
La soddisfazione dei cittadini sarà alta solo se le tasse da pagare offriranno un adeguato servizio pubblico, con tanto di centrali elettriche, commissariati di Polizia, caserme dei Vigili del Fuoco, ed altri servizi che permettono alla propria città virtuale di prosperare, cercando di mantenere un'economia sostenibile ed evitare il malcontento popolare.
Bisognerà anche prepararsi al peggio, tornado, inondazioni incendi e terremoti… Nessuno (tranne qualcuno nella vita reale, purtroppo) saprà trarre benefici da questi disastri, per cui bisognerà adoperarsi con impegno e sincerità per il cittadino e per la ricostruzione.
In LinCity-NG, quando la città è sufficientemente avanzata, verrà avviato un programma spaziale che può essere usato eventualmente per evacuare la città e completare il gioco.
Il team di sviluppo ha recentemente segnalato su MacUpdate la versione 2.0 per Mac, che introduce l'acqua come una nuova risorsa ed offre la possibilità di costruire dei ponti sui fiumi. Anche il formato di file utilizzato per salvare i giochi è cambiato, ma logicamente è comunque possibile continuare caricare i vecchi salvataggi.
Il gioco è disponibile per tutte le piattaforme (Windows, Linux e Mac), ma la localizzazione in italiano manca ancora. Quest'inverno il SannioGLUG (Sannio GNU/Linux User Group) ha preso contatti con gli sviluppatori di Lincity-NG per sostituire i precedenti traduttori che evidentemente avevano abbandonato il progetto, proponendosi di completare la traduzione parziale per la versione più recente del gioco, ma a quanto pare il lavoro di localizzazione, per questa versione ancora non c'è.
LinCity-NG 2.0 per Mac è disponibile gratuitamente per il download dal sito ufficiale o dal sito di condivisione MediaFire. Funziona bene anche sull'ultima versione di Snow Leopard, e richiede un Mac con processore Intel ed almeno Mac OS X 10.4.5.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Un Pivot maniacale!


La ispanica No2 games ha rilasciato fin dal primo giorno di vita di Mac Apple Store, BasketMania, un gioco molto divertente per Mac, iPhone, iPad e Android. La cosa interessante è che il gioco è completamente gratuito ed assicura un bel pò di divertimento.
Il gioco parte dall'idea del Basket, ma sviluppa il suo gameplay in maniera più dinamica e divertente; non si tratta della classica partita di Basket, ma bisogna centrare il canestro da varie posizioni regolando la parabola che la palla dovrà fare ad ogni lancio. Infilando una serie consecutiva di canestri si ottengono punti bonus. Il gioco presenta due diverse modalità di gioco: la prima "straight shots" è una modalità libera senza tempo dove bisogna realizzare quanti più canestri consecutivi possibile, la seconda "countdown" è una corsa contro il tempo (90 secondi) cercando di realizzare il massimo punteggio possibile.
Basketmania ha una grafica essenziale semplice e colorata. Per una strana ragione sembra molto più giocabile e preciso con il Trackpad (quello dei portatili oppure il magic trackpad) che con il mouse.
Basketmania alla lunga rischia di essere un tantino ripetitivo, ma resta comunque una tappa obbligata per "staccare un pò"... il tutto in maniera gratuita!
Disponibile comodamente per il download sull'App Store (per Mac) e su iTunes Store per i dispositivi iOS.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Emulatore per giochi Dos su Mac


Se è vero che i nostri switcher (utenti che abbandonano felicemente la piattaforma Windows verso il Mac) sono in tanti, allora è anche probabile che tra loro ci sia chi ha la nostalgia di vecchi giochi che hanno segnato la loro giovinezza e che giravano esclusivamente su MS-DOS (il vecchio Sistema Operativo di Microsoft trascinatosi fino alla fine del millennio scorso). Magari qualcuno ha ancora in soffitta un vecchio CD di installazione con Commander Keen, Epic Pinball, Underworld, un floppy contenente il suo giochino preferito ormai introvabile o semplicemente la voglia di fare un tuffo nel passato.
Esistono diverse soluzioni di emulazione (alcune open source), ma secondo le esperienze degli utenti la migliore è quella fatta con Boxer, il software creato da Alun Bestor che da oltre tre anni è in fase di sviluppo. Si recente si parla finalmente del rilascio definitivo della versione 1.0 (attualmente ancora in RC) che è disponibile per il download direttamente dal sito ufficiale dell'applicazione.
L'installazione di Boxer richiede Mac OS X 10.5 (Leopard), un semplice trascinamento ed offre una libreria di software (una semplice cartella creata nella Home) con le versioni demo dei giochi citati sopra, appoggiati su uno sfondo simile a quello degli scaffali di Delicious Library e iBooks.
Sempre dal sito ufficiale è possibile accedere ad altri software e ad un numero impressionante di risorse da scaricare. Una volta scaricato un gioco per MS-DOS in formato .zip sarà sufficiente aprirlo e rinominare la cartella scompattata aggiungendo l'estensione .boxer, dopodiché un doppio clic lancerà l'applicazione attraverso l'emulazione offerta da Boxer. Inoltre è possibile importare il gioco originale da cartelle o CD attraverso l'apposita funzione, impostare le caratteristiche hardware e software attraverso una finestra in stile HUD con le varie regolazioni di prestazioni (CPU, Mouse, Game e Drives).
In conclusione, Boxer probabilmente non servirà a nessuno tra la maggior parte dei Mac User tradizionali, ma potrebbe fare la felicità di quei pochi che rimpiangono il mancato porting del loro affezionatissimo gioco.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Sei solo un pezzetto di carne


La scena Indie ormai stupisce per qualità e genialità delle proprie produzioni, e quella di cui parliamo oggi è una di queste. Uscito prima su X-box Live e poi nel novembre scorso per le altre piattaforme, compresa una versione per il nostro OS preferito, Super Meat Boy ha stupito tutti. Si respira una follia di base che colpisce, follia che animava gli anni storici del developing videoludico.
Il Team Meat (letteralmente "Carne"), si compone di due soli programmatori: Edmund McMillen, fra i creatori del premiatissimo Braid, e Tommy Refenes, un trentenne che già aveva stupito per alcune app per iOS.
Il team è riuscito quindi a meravigliare critica ed utenza, sviluppando un platform 2D impegnativo, fruibile ed appassionante, un genere che addirittura Nintendo sembra aver definitivamente sepolto.
Un Super Mario "bastardo" insomma, pieno di schizzi, di sangue (della carne del personaggio principale - cioè un pezzo di carne); il tutto con uno stile grafico in Pixel Art, amato da chi ha vissuto e giocato i vecchi videogames.
La trama è quanto di più classico possa esserci: il malvagio di turno, il dottor Fetus ha rapito Bandage Girl, la fidanzata di Meat Boy, e quindi bisognerà salvarla attraversando oltre 350 livelli pieni di trappole e insidie.
Le musiche strizzano l'occhio ai vecchi platform bidimensionali reinventandoli in uno stile Metal. Ma se vi aspettate che il gioco faccia "sconti" a livello di difficoltà (come i giochi più moderni), vi sbagliate di grosso, l'osticità è ad un livello abbastanza alto e la maggior parte degli stage ha una complessità estrema, quella dei vecchi tempi! Quando i giochi più "difficili" erano anche quelli più alti a livello di sfida e di "bellezza". Bentornati nel futuro-passato.
Super Meat Boy per Mac è stato realizzato grazie al lavoro di una community di Mac User, The Porting Team, che si occupa di fare il appunto il porting dei giochi su Mac. Nel forum di questi intraprendenti sviluppatori, è possibile accedere a numerosi giochi gratuiti per Mac, alcuni davvero rari, ma per poter "vedere" i link pubblicati nel forum, bisognerà essere utenti registrati con almeno tre messaggi scritti.
Il gioco costa 13,99 euro, in esclusiva su Steam, e sarà disponibile per Mac a breve, tramite download dal sito del rivenditore.
Abbiamo avuto la possibilità di provarlo in anteprima ed è stata una piacevole avventura. Se si dispone di un controller Logitech il gioco è giocabile al 100%, ma per qualche ragione da risolvere, la tastiera ancora non funziona. Si installa con un normale drag and drop ed il download pesa (o meglio peserà) oltre i 260MB.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Corri e segui la strada


Michael Burgdorfer e Mario von Rickenbach, una coppia di sviluppatori svizzeri di Zurigo, hanno rilasciato un'altra versione preliminare di Krautscape: un veloce gioco di corse arcade realizzato per Mac e PC.
La fantastica storia del gioco risale al lontano 1880, quando il dottor Konrad von Krautkopf ideò la Krautomobile, un veicolo ad alta tecnologia; un innovativo mezzo di trasporto che avrebbe potuto unire le qualità dell'automobile a quelle dell'aereo, ma purtroppo la sua invenzione non venne mai accettata dal pubblico. Forse perché era troppo avanti per l'epoca, forse perché il nome non era stata la scelta migliore. Amareggiato dal fallimento cominciò ad immaginare un mondo migliore dove proprio la sua "Krauto" potesse meritarsi una vita più significativa ed emancipata: Krautscape.
La visione di Konrad von Krautkopf è diventata realtà, ma solo all'interno di questo gioco, dove prende vita la sua creatura in base ad improbabili disegni ritrovati. Questo videogame offre opzioni di gioco multiplayer e la generazione dinamica dei circuiti, in un sistema ludico davvero promettente e unico: il leader della gara, dal momento che si trova in testa, è in grado di controllare la direzione della pista a proprio vantaggio, ma gli inseguitori possono prendere scorciatoie, aprendo le loro ali e spostandosi da un elemento del tracciato all'altro volando per brevi tratti.
Krautscape permette di far giocare contemporaneamente fino a 4 utenti. È sufficiente avviare un server ed aspettare che gli amici si connettano. L'ultima release (la versione Alpha 3 della settimana scorsa) ha migliorato il Gameplay nella fisica delle auto e la gestione dell'energia; la dimensione del download è scesa da 70MB a 22 (grazie ad una migliore compressione dell'audio); infine sono stati risolti problemi di Network, di suono e di interfaccia grafica.
Questo video caricato su YouTube illustra chiaramente le potenzialità del gioco, che è ancora in fase di sviluppo, come ricordano i developer elvetici. Krautscape è disponibile per il download dal sito ufficiale e richiede un Mac PPC o Intel con almeno Mac OS X 10.4 installato.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

L'avventura di Dafne


Ancora Big Fish Games ha aggiornato il suo Mystic Inn alla nuova versione 2. Il gioco vede come protagonista la bella cameriera Dafne, che da quando s'è fermata a lavorare in questa piccola locanda, ne è rimasta praticamente stregata, al punto da sentirsi prigioniera ed in preda a grandi tormenti! Ma per fortuna la soluzione per spezzare l’incantesimo c'è ed è abbastanza semplice: sarà sufficiente servire e soddisfare tutti i clienti finché la locanda non sia stata completamente rimessa in sesto! Mystic Inn trascina l'utente in un'ambiente magico dalla grafica accattivante e una atmosfera medievale fantastica, per aiutare Dafne in più di 50 livelli e 5 capitoli completamente animati, a servire velocemente tutti i clienti e preparando pozioni magiche per raggiungere l'obiettivo, con tanto di servizio a domicilio.
Anche Mystic Inn 2 costa poco (appena 6,99 dollari) ed è un rompicapo punta e clicca; bisogna sempre avere una buona padronanza dell'inglese per giocarci non essendo localizzato in italiano.
Il gioco richiede Mac OS X 10.4 per funzionare (meglio se 10.5), un processore PPC o Intel da 1.83GHz e 512MB di Ram. È disponibile disponibile per il download in versione Demo, che permette di utilizzarlo in una sessione da 60 minuti. L'installazione è piuttosto invasiva ed assistita da un Game Manager, per la rimozione completa è consigliabile utilizzare AppTrasher e AppTrap insieme.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Giocare la musica


Quelli della nostra generazione ricorderanno sicuramente Wipeout, un avvincente videogioco di corse per la PlayStation con astronavi anti gravità. MusicRacer è molto lontano per essere paragonato a questo cult, ma in un certo senso ne riprende alcune idee, come il veloce veicolo e l'ambientazione esasperatamente futuristica, ma ne sviluppa di nuove ed interessanti.
La particolarità di questo gioco è che i circuiti da corsa sono creati sulla base dell'analisi dello spettro musicale della traccia audio che gli si da in pasto. È possibile selezionare un file audio (a scelta tra i formati Mp3, Ogg o Wav con l'ultima aggiunta del supporto ai FLAC) e godersi il proprio circuito personale generato ad hoc.
Il campionato di corse, tra i più importanti nella galassia, è ambientato nell'anno 4600 (!) e richiede la raccolta di alcuni oggetti dalle forme geometriche che permettono di acquisire punti, senza i quali la nostra colonna sonora subirà un inesorabile rallentamento, con conseguente perdita di punteggio. Bisognerà anche evitare ostacoli mortali, perciò, prima di affrontare il campionato vero e proprio, sarà meglio allenarsi con una simulazione per effettuare il giusto addestramento al gioco.
MusicRacer è disponibile per il download gratuito dal sito ufficiale o dal sito Apple, richiede Mac OS X 10.5 o successivi e non richiede particolari risorse hardware. Chi vuole può guardare un filmato del gioco su YouTube.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Caccia al tesoro sul mare


Negli ultimi giorni Big Fish Games ha aggiornato alla versione 2.0 la maggior parte dei titoli per Mac, tre questi c'è Twisted Lands: Shadow Town Collector's Edition, che inizia come un'innocua caccia al tesoro sul mare, ma rapidamente si trasforma in un'avventura oscura e inquietante in terre inesplorate. Bisogna trascorrere il tempo a cercare di svelare il mistero che circonda sia la scomparsa del proprio partner, che l'ambiente decadente in cui ci si trova improvvisamente immersi.
L'avventura ha inizio quando, abbandonati e senza alcun equipaggiamento, si sbarca su una spiaggia deserta e piena di segreti: si attraverseranno navi abbandonate, case infestate, inquietanti boschi, chiese agghiaccianti, labirinti e altro ancora…
Gli unici aiuti arriveranno dagli indizi lasciati dai precedenti occupanti, tramite giornali, riviste ed eventi inspiegabili. Al termine della storia principale, si avrà accesso ad un capitolo bonus che introduce una storia secondaria, rendendo il gioco particolarmente longevo. Il gioco promette sensazioni forti, emozioni improvvise e tanta paura.
Twisted Lands: Shadow Town è un rompicapo punta e clicca; bisogna però avere una buona padronanza dell'inglese per giocarci, poiché non è localizzato nella nostra lingua.
Il software richiede un Mac con processore Intel e Mac OS X 10.5 o successivi per essere installato. Costa meno di 15 dollari ed è disponibile per il download in versione Demo, che permette di utilizzarlo in una sessione da 60 minuti. L'installazione è piuttosto invasiva ed assistita da un Game Manager, per la rimozione completa è consigliabile utilizzare AppTrasher e AppTrap insieme.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Le mele matte


Romi è un software che permette di giocare al computer partite di Macchiavelli (derivato del Ramino) a 3 diversi livelli. La partita di Ramino si gioca con due mazzi di 52 carte e con due carte matte (con il disegno della mela) per formare gruppi di tre o più carte, che contengano carte consecutive dello stesso seme o carte di seme diverso, ma dello stesso valore.
L'interfaccia di Romi, piuttosto spartana, ma funzionale, è suddivisa in due principali elementi: la lavagna, dove si posizionano le carte giocate, e il tavolo dove risiedono le carte del giocatore. I vari bottoni presenti permettono un gioco naturale ed una certa personalizzazione: Pesca una carta, Dividi per seme, Carte giocate, Ripulisci la lavagna, Validità e il pulsante Preferenze per personalizzare il programma.
Lo sviluppatore canadese Gerard Brochu, ha rilasciato la nuova versione 8.0 del gioco che introduce le seguenti novità: cliccando su una carta, questa verrà automaticamente collocata sul tavolo di gioco; se si desidera inserire la carta in una posizione specifica, sarà sufficiente cliccare sulla carta e trascinarla con il mouse senza rilasciare il bottone sino alla posizione desiderata; infine le carte di Romi sono state completamente ridisegnate.
Romi 8.0 richiede Mac OS X 10.5 (Leopard) per funzionare, un Mac con processore PPC o Intel, e costa 15 dollari, cifra che permetterà di avere diritto a tutte le versioni future del programma. Essendo uno shareware, Romi è disponibile per il download in versione demo della durata di 14 giorni. Il gioco, per accontentare un vasto numero di utenti, è localizzato in lingua francese, inglese, italiano, tedesco, spagnolo, portoghese, olandese, svedese e norvegese.
Attenzione, Romi non è compatibile con l'estensione FinderPop: chi ha installato questa estensione (non Apple) per Mac OS X, avrà problemi di refresh dello schermo e con i pulsanti dell'interfaccia grafica. Per continuare ad usare FinderPop, sarà sufficiente aggiungere Romi nella lista delle applicazioni da escludere in FinderPop.
Una versione "tascabile" del gioco è disponibile anche per il iPhone, iPad e iPod-Touch, logicamente su App Store.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Buonanotte, buonanotte fiorellino


Qualcuno ricorderà il Tamagotchi, un prodotto nato a metà degli anni 90, che sconvolse l'immaginario di molti in maniera poco comprensibile a posteriori. Era un dispositivo minuscolo, rigorosamente giapponese, dotato di soli tre bottoni, nel quale "viveva" un minuscolo animale virtuale. Bisognava nutrire l'animale, curarlo con delle iniezioni, tenerlo pulito ed educarlo.
I giovanissimi dell'epoca, probabilmente privi di una relazione sentimentale con un vero animale domestico, cominciarono a convogliare il loro affetto su qualcosa di tecnologicamente insignificante, ma socialmente innovativo.
La casa tedesca Mr. Fridge Software ha pensato bene di creare un piccolo programma dal concetto simile al gioco prodotto dalla Bandai, ma che ha come oggetto delle nostre attenzioni un piccolo semino, che con il tempo diventerà un fiorellino da curare quotidianamente, proprio come se fosse vero.
Floret è un fiore digitale che vive sul proprio desktop: andrà annaffiato e concimato regolarmente. La salute del fiorellino però non dipende solo dalla responsabilità del proprietario, a volte succedono degli imprevisti che costringono ad agire rapidamente per rendere il fiore nuovamente felice.
Il programma mostra anche il meteo locale e le tre previsioni quotidiane, per sapere in anticipo se si dovrà difendere la creatura dal gelo o dal caldo, ma anche se una benefica pioggia stia per arrivare.
Floret è uno shareware da 2,00 euro, ma è possibile effettuare il download ed utilizzarlo in modalità demo per provarlo. In questa modalità il fiore non crescerà oltre un certo limite e si vedrà soltanto il meteo senza previsioni. Floret è anche disponibile per iOS su App Store per soli 1,59 euro.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Giocare al… ribasso


Coladia, fondata nel 2005 con sede a Parigi, è leader nella distribuzione di video giochi di avventura per Mac, iPhone e iPad. L'azienda ha stabilito una partnership con sviluppatori ed editori di prestigio (come Kheops Studio, Nobilis Group e Microids) per portare i migliori giochi di avventura sul Mac e sulle piattaforme iOS. Titoli di successo, come Il Segreto della Caverna Perduta, Cleopatra: il Destino di una Regina, Destinazione: l'Isola del Tesoro, Ritorno all'isola misteriosa e I segreti di Da Vinci sono già stati portati su piattaforma Mac; altri titoli per Mac, iPhone e iPad saranno introdotti nel 2010.
L'annuncio rilasciato poche ore fa da Frédéric Aloé, CEO di Coladia, riguarda i nuovi prezzi più bassi per alcuni giochi di avventura, selezionati per Mac. I giochi sono scesi a 19,90 euro anziché 29,90 euro. Il nuovo prezzo si applica ai seguenti giochi per Mac, disponibili per l'acquisto sul sito di Coladia:

I segreti di Da Vinci: Il gioco si ambienta nel 1522 e dovremo vestire i panni di Valdo, un ambizioso apprendista che ha lavorato per Francesco Melzi, quest’ultimo discepolo proprio del grande Leonardi Da Vinci. Il giovane Valdo è estremamente deluso quando l’erudito lo allontana improvvisamente per la sua eccessiva bramosia di successo. Tuttavia, poco dopo, riceve una lettera da un misterioso patrono, chiedendogli di individuare uno dei codici mancanti del grande maestro…

Cleopatra: Alessandria d'Egitto 48 A.C. Il paese è diviso da un'aspra guerra civile che vede i sostenitori di Cleopatra contro quelli di suo marito e fratello, Ptolemy. In questo clima di terrore, Thomas, un giovane astrologo si innamora della figlia del suo maestro ma un giorno scopre che il maestro e sua figlia sono stati rapiti. Thomas si mette sulle loro tracce e nel corso dell'investigazione scopre che Cleopatra ha richiesto di profetizzare sull'accaduto e che i partigiani di Ptolemy sono dietro al rapimento. L'investigazione porta Thomas a scovare i luoghi leggendari dell'Egitto come la Biblioteca di Alessandria ed il suo famoso faro…

Destinazione: Isola del Tesoro: Sono passati quattro anni dalla fine dell’avventura raccontata nel romanzo di Robert Louis Stevenson. Jim Hawkins è diventato un uomo onesto ed avventuroso, attento a quelli che lo circondano. Immaginate la sua sorpresa quando, una mattina, vede un pappagallo entrare finestra della sua camera da letto: è il pappagallo del Capitano Flint il compagno di Long John! L’uccello gli porta un messaggio dal suo padrone: nel messaggio il vecchio pirata annuncia che ha seppellito un tesoro meraviglioso sull’isola segreta dove si ritirò: Emerald Island. Jim deve fare in fretta però perché i pirati, suoi vecchi nemici, sono sulle sue tracce…

Segreto della caverna perduta: Siamo nel 15.000 A.C. Arok è un giovane cacciatore. In passato ha conosciuto Klem, un artista sciamano ed è rimasto affascinato dall'arte della pittura sulle pareti di roccia. Arok si ricorda molto bene dello sciamano: infatti ha ricevuto in dono da lui una pietra con dipinto il simbolo dello sciamano. Arok è lontano dal villaggio dove è nato e cresciuto per una battuta di caccia: infatti caccia, pesca e raccolta sono gli unici mezzi di sopravvivenza nel paleolitico. La vita è pericolosa per un uomo delle caverne e suo malgrado Arok diventa preda: il cervo che sta inseguendo è desiderato anche da una feroce leonessa che non intende farsi portare via il pranzo e dedica la sua attenzione proprio ad Arok, costringendolo a ripararsi velocemente in una caverna. Quale sorpresa per Arok vedere dapprima i segni del passaggio del vecchio Klem sulle pareti di roccia adiacenti l'ingresso della caverna e addirittura il simbolo dello sciamano tracciato ben evidente sulle pareti all'interno! Arok inizia un viaggio lungo e pericoloso…


Le applicazioni sono localizzate in: inglese, francese, tedesco, italiano e spagnolo; tutti i giochi sono compilati in universal binary e funzionano su computer Mac con processori Intel o PowerPC G5. Sono disponibili gratuitamente per il download le versioni demo di ogni gioco sul sito ufficiale www.coladia.com/it/.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Romanzo interattivo illustrato


Il Jisei potrebbe essere associato ad uno stile di combattimento a mani nude o ad una specie rara di fiori orientali, ma evidentemente deve avere anche qualche altro significato, visto che questo nome da il titolo ad un nuovo gioco dello staff di Ayu Sakata.
Jisei è la storia interattiva misteriosa, quasi il romanzo visivo, di un giovane adolescente, senza nome e senza fissa dimora, che ha la capacità unica di rivivere, con delle percezioni extrasensoriali, il momento della morte di ogni cadavere che tocca; fino a quando si imbatte in una donna morta e viene all'improvviso bollato come il principale sospettato nell'indagine per omicidio.
Lo scopo del gioco è dimostrare l'innocenza del protagonista, ascoltando la voce che sente nella sua testa, guardando i propri passi, ricercando indizi e interrogando i testimoni con l'obiettivo finale di trovare l'assassino vero. Ogni parola ha un significato nascosto e ogni sospetto ha un segreto.
Ci vorranno logica e capacità superiori per dimostrare la propria innocenza portando elementi concreti. Durante il gioco musiche coinvolgenti e colpi di scena accompagneranno il giocatore in una soprannaturale misteriosa avventura punta e clicca.
Tra i fattori positivi del gioco certamente rientrano la trama moderna e le illustrazioni gradevoli in perfetto stile manga, l'unico aspetto negativo, almeno per noi, è la mancanza di una localizzazione in altre lingue, infatti il gioco è completamente in inglese.
Jisei, realizzato da sakevisual anche grazie all'utilizzo del codice sorgente di un certo numero di progetti OpenSource, è disponibile per il download in versione demo per Linux, Windows e Mac OS X, ma richiede il pagamento di 15 dollari per accedere al file della versione completa.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Combattimento spaziale vintage


Dedicato ai più convinti nostalgici, a players di una certa età e a giovani che nemmeno immaginino quanto possa essere stato piacevole immergersi in un "old game" basato su stupendi effetti grafici vettoriali, Bitfighter 1.0 è il "nuovo" gioco di combattimento spaziale, rilasciato di recente nella sua prima versione definita stabile (la 1.0 appunto), ma che vanta già un popolato gruppo di affezionati, tra beta tester ed utenti sparsi in tutto il mondo.
I comandi per controllare l'astronave sono fortemente ispirati a Robotron: 2084, un videogioco sparatutto a schermata fissa sviluppato nel 1982, quindi chi viene da quell'esperienza ludica si troverà rapidamente a proprio agio. Bitfighter è a tutti gli effetti un gioco di strategia, veloce, divertente e frenetico. Offre 8 diverse modalità di gioco, una nave spaziale configurabile, un editor delle mappe e la possibilità di giocare in locale o in rete (Lan/Internet) con chiunque condivida la stessa passione.
Realizzato per Windows, Linux e (logicamente) Mac OS X, il software multipiattaforma è continuamente supportato dal team di sviluppo, attivo e appassionato, di Christopher Eykamp.
Bitfighter è disponibile per il download sul sito ufficiale, e gira su tutti i computer Apple con almeno Mac OS X 10.3 in poi (quindi basta già un vecchio Power Mac con processore G3). Sul Mac si installa con un semplice Drag and Drop e alla sua rimozione manuale non lascia residui nel computer.
Invia l'articolo ad un amico Visualizza la versione stampabile

Un maialino spaziale per tutte le età


baKno (si legge bacàno) è una software house della Florida che nasce nel 2006 da un gruppo di appassionati di videogiochi impegnati a sviluppare nuovi strumenti ludici interattivi, vantando un catalogo di circa venti "giochi casual" per Mac, Windows e iPhone.
SpacePig è un divertente gioco in stile cartoon, che propone un viaggio irreale su una piccola Luna metallica, impersonando un simpatico maialino rosa. Il giocatore dovrà raccogliere le monete presenti sul suolo lunare ed i diamanti che ruotano intorno al piccolo satellite; dovrà naturalmente acciuffare il maggior numero possibile di oggetti, facendo però molta attenzione alle fatali cadute di meteoriti ed all'impatto con pericolosi oggetti appuntiti. SpacePig è accompagnato da una rilassante colonna sonora (una decina in tutto) e propone, nella fascia bassa della finestra di gioco, aggiornamenti in tempo reale sulle notizie prese da Internet dai principali siti di informazione, unendo l'utile al dilettevole. Nel pannelli di settaggio ci sono i tre classici livelli di difficoltà, la possibilità di regolare il volume degli effetti, e di mostrare o nascondere alcune funzionalità.
Si gioca con i tasti direzionali della tastiera, mentre la barra spaziatrice permette di saltare o accendere i razzi per brevi escursioni. Il punteggio ottenuto dagli altri giocatori nel mondo viene pubblicato nell'elenco dei Top 100, consultabile dall'apposito pannello.
La recente versione 4.0 offre una migliorata interfaccia utente con nuovi pulsanti, include le funzionalità di contenuti anche nella versione di prova e in modalità licenziata l'accesso ad annunci gratuiti, oltre ad una serie di correzioni di bug minori.
SpacePig 4.0 è disponibile per il download come DEMO (anche sul sito Apple), costa 9,95 dollari in versione singola (con PayPal) ed anche stata realizzata una versione per iPhone OS su App Store (0,79 euro). Per un periodo limitato sarà possibile ricevere gratuitamente per Mac o PC la licenza del software compilando semplicemente il modulo presente sul sito dello sviluppatore ed inserendo una email valida.