Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Per parlare di qualsiasi altra cosa che abbia poco o niente a che fare col mondo Mac :D

Moderatore: ModiMaccanici

Rispondi
faxus
Pro-Expert 
Pro-Expert 
Avatar utente
Iscritto il: lun, 02 giu 2014 15:12
Messaggi: 24945
Località: Due Sicilie
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: mar, 07 ago 2018 12:36

mattleega ha scritto:
mar, 07 ago 2018 12:16
... Scialla, li puniamo?...
Per questo ho detto tre giorni.

Non so se il terzo giorno ce la farete a finire quello che resta nei piatti e nei bicchieri...
Conosco la tecnica.

La prima volta che mio padre mi permise di mettere le mani in un progetto, fu una fabbrica di cioccolata.
Poi lui prese l'appalto di una parte della costruzione e direzione dei lavori.

Successivamente andammo più volte a vedere il processo di lavorazione.
(anche perché riportavo molti omaggi dei prodotti...)
Una volta domandai al caporeparto se gli addetti consumassero molto del prodotto mentre lavoravano.
Mi rispose quasi nulla.

Perché ne potevano mangiare tutta quella che volevano.
E dopo i primi giorni di abbuffate, viaggi frequenti al bagno e nervosismo, smettevano.
Alcuni non mangiavano neanche più, la cioccolata...
mattleega
Pestifero
Pestifero
Avatar utente
Iscritto il: mar, 30 ott 2007 19:20
Messaggi: 16601
Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: mar, 07 ago 2018 13:12

La sai quella delle eccezioni che confermano la regola? :D
E quella della cavallette?

Col cioccolato è facile, in fabbrica è nauseante e non hai scorte industriali di Vodka per "alleggerirne" il sapore.

A proposito di vodka:
oggi una marmitta di more condite col limone del mio "agrumeto" e Absolut come piovesse.

Ho rifatto il test di ieri

Immagine

Stesso risultato :( :roll:
Pennica.
Che strano, mi pareva di aver mangiato leggero... :D
L’inerzia soddisfatta dei cittadini è all’origine di quella incredibile malattia che è la servitù volontaria

E se vivremo, sarà per calpestare i re.

.

.
.
.
.
.
.
.
faxus
Pro-Expert 
Pro-Expert 
Avatar utente
Iscritto il: lun, 02 giu 2014 15:12
Messaggi: 24945
Località: Due Sicilie
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: gio, 09 ago 2018 12:59

Uff... È stata una faticaccia.

Ma sono soddisfatto.
Tutte cose eccellenti.
Con i prodotti principali coltivati e raccolti meno di qualche centinaia di metri da casa.

Il ghiottone non morirà di fame, quest'inverno...

Immagine
mattleega
Pestifero
Pestifero
Avatar utente
Iscritto il: mar, 30 ott 2007 19:20
Messaggi: 16601
Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: gio, 09 ago 2018 13:09

Scialla, hai visto che roba?
L’inerzia soddisfatta dei cittadini è all’origine di quella incredibile malattia che è la servitù volontaria

E se vivremo, sarà per calpestare i re.

.

.
.
.
.
.
.
.
Scialla
iOS Expert
iOS Expert
Avatar utente
Iscritto il: mer, 12 ago 2009 19:27
Messaggi: 16114
Località: Torino
Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: gio, 09 ago 2018 13:52

No, fortunatamente la rete dell'ufficio mi blocca le immagini di dove posta fax... :D
 Il futuro (Apple)? Nammerda!

Di un costoso Mac si può fare a meno, di macOS no... (cit. fax)
mattleega
Pestifero
Pestifero
Avatar utente
Iscritto il: mar, 30 ott 2007 19:20
Messaggi: 16601
Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: gio, 09 ago 2018 17:09

Allora ti descrivo l'immagine:

Ci sono fanciulle ignude che danzano tra distillati di ogni genere.
vasi, vasi e vasi di leccornie,
una gigantesca griglia con un mucchio di bisteccazze tutt'intorno.
cetriolini, peperoni, cipolline sott'aceto,
pesciolini in carpione.
quattro, diconsi quattro, maialini da latte sui girarrosti,
poi ci sono....

Ma no, non te lo dico.
Raccogli le tue cose e andiamo immantinente a devastargli la dispensa.

Presto, prima che lo facciano altri.
Perché lo sai che il mondo è pieno di stronzi che non ci aspettano.
L’inerzia soddisfatta dei cittadini è all’origine di quella incredibile malattia che è la servitù volontaria

E se vivremo, sarà per calpestare i re.

.

.
.
.
.
.
.
.
Scialla
iOS Expert
iOS Expert
Avatar utente
Iscritto il: mer, 12 ago 2009 19:27
Messaggi: 16114
Località: Torino
Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: gio, 09 ago 2018 20:47

Sono a casa, da qui vedo.....

....cribbio!!!! :shock:
 Il futuro (Apple)? Nammerda!

Di un costoso Mac si può fare a meno, di macOS no... (cit. fax)
iMaurizio
Expert
Expert
Avatar utente
Iscritto il: ven, 12 set 2014 03:21
Messaggi: 1698
Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: gio, 09 ago 2018 21:48

Sono molto ignorante in tema di cucina, ma so che il filetto è una parte nobile/pregiata del pomodoro.
faxus
Pro-Expert 
Pro-Expert 
Avatar utente
Iscritto il: lun, 02 giu 2014 15:12
Messaggi: 24945
Località: Due Sicilie
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: gio, 09 ago 2018 23:25

Kernel Panic ha scritto:
gio, 09 ago 2018 21:24
Filetto 2018 ..... cos'è?
Puoi vederne la preparazione nel
viewtopic.php?f=2&t=32219&start=930#p481939

Sono la parte migliore dei migliori pomodori maturi.

In pratica su 15 kg di pomodori comprati dal bravo contadino del campo vicino, ne ho scelti 3 kg.
I più grossi, maturi, sani, sodi e senza difetti.
Li sbuccio a mano con un coltello affilato.
La tecnica permette di conservare la parte migliore, sottobuccia, e il sapore di crudo.
Che la scottatura fa perdere.

Un po' noioso, lungo ed esperto procedimento.
Ma indispensabile per la qualità eccelsa, altrimenti irraggiungibile.

Poi a mano si separano i semi e l'acqua di vegetazione.
Si mettono tagliati a filetto (fettine di circa un centimetri di larghezza) nel vetro sterilizzato, una cima di basilico e si chiude.
Poi si sterilizzano brevemente, al naturale, e si crea il sottovuoto.

Quando sei disperato, i primi mesi dell'anno, per l'insipido sapore dei pomodori, li apri e te li godi.

Per una salsa, un'insalata con olive.
Anche semplicemente con sale ed olio.
O in una caprese, quando le mozzarelle hanno il miglior sapore dell'anno, ma i pomodori il peggiore...
Paolofast
Expert
Expert
Avatar utente
Iscritto il: dom, 07 gen 2018 20:00
Messaggi: 932
Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: ven, 10 ago 2018 11:37

Curry giapponese
Il mitico curry che vediamo nei manga e anime

Lo vediamo cucinare spesso nei manga e anime.
Tenete conto che questo piatto, per un giapponese, significa famiglia, stare insieme, come per un italiano una spaghettata.
Mangiarlo da soli è buono, in compagnia, sublime.
Il curry giapponese è uno spezzatino di carne e verdure, ma si può fare anche con lo spezzatino di soia, per i vegetariani.
Se usate lo spezzatino di soia, leggete il capitolo 1, altrimenti saltatelo.
Per la carne puoi usare manzo, vitello, maiale, agnello, pollo o tacchino (non tutti insieme, solo un tipo).
Se non mettete la carne, otterrete una vellutata o un condimento per pasta e riso (vedi capitolo 3).

Capitolo 1: Strutturato di soia.
È il residuo della spremitura dell’olio di soia e contiene molte proteine nobili.
Quello italiano viene da spremitura meccanica e non con solventi e quindi non contiene strane sostanze nocive.
Come quasi tutti i prodotti contenenti soia o sue parti, contiene delle sostanze affini ai nostri ormoni, quindi è meglio non mangiarlo più di una volta alla settimana.
Esiste in tre versioni: granulato (per polpette e polpettoni), bocconcini (per spezzatini) e bistecche (da evitare perché più costose e meno flessibili in cucina).
Personalmente uso solo i bocconcini.
Il prodotto si presenta secco, una specie di cartone spugnoso e va idratato.
Se idratato male, mantiene il sapore di cartone.
Tre etti di prodotto secco equivalgono un kg di carne.
Per idratarlo bene:
1) Riempire una pentola (munita di coperchio) con un volume di acqua almeno tre volte il volume dello strutturato di soia da idratare.
2) aggiungere un po’ di salsa di soia (circa una cucchiaiata per litro) e, se lo trovate in qualche negozio di prodotti orientali, un pizzico di glutammato monosodico.
Oppure mezzo dado da brodo.

Nota: girano voci che il glutammato monosodico faccia male.
In realtà il glutammato è stato "processato" (e assolto) solamente per due patologie: la cosiddetta "sindrome del ristorante cinese" e danni al cervello.
La prima NON ESISTE, se non nella mente malata di qualche idiota.
Quanto ai danni al cervello, possono essere provocati solo prendendone in testa una confezione moooolto pesante e scagliata con forza.
In effetti il glutammato è un componente essenziale di muscoli e cervello, anzi il nostro cervello ne contiene una grande quantità.
Comunque, visto che è stato scientificamente provato che NON fa male, gli idioti laureati in stupidità all’Università della Vita di Facebook affermano con sicurezza che fa malissimo, mentre mangiano Parmigiano, che è il cibo che ne contiene di più.
Per saperne di più:

http://bressanini-lescienze.blogautore. ... -spaventa/

3) portare l’acqua a bollore e appena accenna a bollire spegnere la fiamma.
4) appena l’acqua smette di bollire, buttare nell’acqua lo strutturato di soia, mescolare bene, mettere il coperchio e aspettare 10 minuti (un timer da cucina aiuta).
5) passati i 10 minuti, dare una bella mescolata in modo che i pezzi sopra passino sotto e viceversa. Mettere il coperchio e aspettare altri 10 minuti.
6) ripetere l’operazione altre due volte (totale tre mescolate intervallate da 10 minuti).
7) passati 10 minuti dall’ultima mescolata scolare lo strutturato di soia in uno scolapasta.
8) con un piatto piano o strumento circolare analogo spremere bene, senza esagerare, lo strutturato per togliere il liquido in eccesso.
Nota: il liquido puzza ma si porta via il sapore di cartone.
Ora lo strutturato è pronto per essere cucinato come la carne.
Tempi di cottura: analoghi a pollo e tacchino.
Avvertenze: se la ricetta originale per carne prevede una rapida rosolata prima di un’altra cottura, questa NON va fatta.
Per preparare il curry giapponese aspettate che sia a temperatura ambiente o se avete fretta, che si raffreddi abbastanza da poterci infilare una mano senza scottarsi.
I bocconcini devono però essere umidi al tatto.

Capitolo 2: Curry giapponese.
Esistono miliardi di ricette diverse: io darò la “mia”, poi sentitevi liberi di modificarla a piacere fino a trovare la “vostra”, quella che vi esprime meglio.
Oppure cercate su YouTube, ce ne sono parecchie, anche in italiano.
Per fare il curry alla giapponese senza impazzire per trovare tutte le varie spezie (per metà introvabili in Italia) occorre trovare una confezione di salsa di curry istantanea, in gradazioni che vanno dal “dolce”(=pochissimo piccante) al “very hot”.
(A volte compare una gradazione in numeri da 1-dolce a 5-piccantissimo)
Ne esistono due versioni: quella in polvere, come quella prodotta da Ottogi in Corea, e quella in tavolette, dei “dadoni” ispirati ai nostri dadi da brodo, ma molto più grandi.
La marca che uso io è la SB e questa è la pagina del sito che descrive i “dadoni”:
www.sbfoods.co.jp/eng/saucemix.html
A Roma le trovo nel negozio coreano di via Cavour e in qualche negozio di cibi cinesi.
In alternativa, se non abitate in una grande città, potete ordinarli via Internet qui:
www.zenmarket.biz/eshop/giappone/condim ... -e-stufati

Un’altra caratteristica di questo piatto è che riscaldato è ancora più buono.
Personalmente mi preparo una pentolata da 10/12 porzioni, lascio raffreddare, metto in vaschette monoporzione e congelo.
Quando voglio mangiarlo, scongelo e lo riscaldo o nel microonde o in una pentola (o padella) sul fuoco dove ho messo un velo d’acqua (un paio di millimetri).
Anche quando faccio cene con invitati lo preparo almeno il giorno prima, affinché faccia un ciclo di raffreddamento/riscaldamento che lo rende più buono.
Darò quindi la ricetta con le dosi per la “cofana” da 10 porzioni che preparo io.
Per dosi più piccole fate voi i calcoli.

Bando alle ciance e cominciamo.

Riassunto ingredienti per il curry alla giapponese (10 porzioni):
Riso bianco
Curry in polvere (dolce, forte, per verdure, per carni, fatto in casa dall’amica indiana, ecc.)
Salsa di soia
Carne tagliata a bocconcini (1 kg) o bocconcini di soia (3 hg secchi)
5 (3+2) cipolle
1 kg di patate
500/700 gr di carote
500/700 gr di pomodori
tre - quattro coste di sedano
Sale
Pepe
Olio e aglio (se usi la carne)

e, forse, un po’ di:
Glutammato monosodico
Mezzo dado da brodo
Mela
Miele
Worcestershire Sauce
Latte
Ketchup

Preparazione:
Innanzi tutto preparate un brodo vegetale: mettete in pentola un litro di acqua e un po’ di sale.
Immergete nell’acqua fredda:

2 cipolle a pezzettini
1 kg di patate a tocchetti.
500/700 gr di carote affettate a rondelle con apposito attrezzo o a tocchetti piccoli.
500/700 gr di pomodori a tocchetti.
tre - quattro coste di sedano a tocchetti piccoli.

Accendete il fuoco e portate a bollore.
Non deve bollire forte, solo sobbollire lentamente su fuoco basso, coperto a metà o libero per almeno UN’ORA.

Se usate i bocconcini di soia, appena messo a cuocere il brodo, prendete i bocconcini già reidratati e cospargeteli di sale, pepe e due / quattro cucchiaini colmi di curry (forte, dolce, per verdure, come ti piace), mescolate bene in modo che tutti i pezzetti siano coperti dalla mistura e lasciate marinare mentre si cuoce il brodo.

Poi prendete una cipolla, fatela a fettine o pezzetini e fatela appassire lentamente in olio o burro. Io uso l’olio, a prescindere.
Se alcune fettine si bruciacchiano un po’, meglio, daranno un leggero sapore di affumicato.

Se usate i bocconcini di carne, invece, niente marinatura, ma una bella rosolata con un filo di olio in padella di ferro o in bistecchiera. La padella antiaderente è comoda, ma non rosola altrettanto bene. Se non hai altro, però, usa quella.
Quando mancano dieci minuti allo scadere dell’ora di sobbollimento del brodo, fate rosolare la carne in una padella con olio insaporito con l’aglio (spicchio soffritto prima o olio “agliato”).
Se usate i bocconcini di soia, NON rosolateli, verrebbero malissimo.

Passata l’ora di sobbollimento potete aggiungere al brodo ½ dado o un pizzico di glutammato oppure nulla.
Io, di solito, nulla.

Poi buttate dentro la cipolla appassita e la carne marinata e rosolata o i bocconcini di soia marinati nel curry.

Fate cuocere coperto a fuoco bassissimo dalle due alle tre ore in base al tipo di carne.
Per bocconcini di soia, pollo e tacchino, basta mezz’ora.
Quando la carne (o lo strutturato di soia) è cotta spegnete il fuoco.
A fuoco spento aggiungete immediatamente:

2 − 3 cucchiai di salsa di soia

e poi tocca al mitico “dadone”: metà (4 cubetti) della confezione grande o una piccola.
Si divide in cubetti, anche per calibrare la densità e le dosi.
Separate i cubetti, spezzateli in due o tre pezzi, buttate dentro quelli che servono e mescolate bene con un cucchiaione da cucina finché il dadone non è sciolto bene.

Ora, volendo, potete aggiungere anche uno o più di questi ingredienti:

1 gambo di sedano ben nettato grattugiato finemente (facoltativo)
½ mela sbucciata grattugiata finemente (facoltativo)
1 cucchiaino da tè di miele (facoltativo)
qualche goccia di Worcestershire Sauce (facoltativo)
1 o 2 cucchiai da tavola di latte (facoltativo)
1 cucchiaino da tè di Ketchup (facoltativo)

Per prima cosa aggiungete la mela e il sedano grattugiati e il miele, mescolate bene, poi assaggiate la salsa. Se è un po' troppo dolce, aggiungete un goccio di salsa di soia e, se vi va, tutti gli altri ingredienti, senza però superare le quantità indicate. Se per esempio la salsa è troppo spessa, allungatela con un po' di latte.

Oppure fate come me che metto solo il sedano (d’estate, ma non sempre) o nulla (d’inverno)

Fate raffreddare nella pentola con il coperchio ben chiuso, mettetelo via (frigo, congelatore) e tiratelo fuori quando è ora di servire e riscaldatelo.

Si serve come piatto unico: metà piatto conterrà riso bianco (Thai, Basmati, Giapponese), l’altra metà il curry debitamente riscaldato (riscaldato è più buono).

Se volete fare una figura da chef raffinato con gli ospiti, mettete ogni porzione di riso in una ciotola, rovesciatela sul piatto in modo da fare un’elegante montagnola cilindrica o semisferica al centro e mettete il curry tutto intorno: sembrerà un mare marrone che circonda un’isola bianca.

Capitolo 3: Curry giapponese di verdure e condimento per riso.
Usando 1 litro o un litro e mezzo l’acqua (dipende da quali e quante verdure aggiungi) e aggiungendo qualche altra verdura, piselli, funghi o quello che volete, senza mettere lo spezzatino di soia ma solo, alla fine, un paio di cucchiaini di curry (facoltativo), il dadone e gli ingredienti finali, otterrete un curry di verdure: attenti, se mettete troppa acqua o poco dadone risulterà liquido e non cremoso.

Al posto del dadone, potete usare una busta di preparato in polvere Ottori.
Lo sconsiglio per lo spezzatino, perché è più difficile da dosare e una volta aperto quello che rimane si conserva male, ma in questo caso, usando l’intera busta, il problema non si pone.

Potete anche ridurre il tutto ad una crema frullando con il minipimer: diventerà una vellutata piccante di verdure o un ottimo condimento per la pasta.

Se invece lo fate un po’ meno cremoso, diventa un fantastico condimento per riso: una porzione di riso cotto, un bicchiere di curry un po’ liquido con le verdure a tocchetti, una mescolata e gnammm!
faxus
Pro-Expert 
Pro-Expert 
Avatar utente
Iscritto il: lun, 02 giu 2014 15:12
Messaggi: 24945
Località: Due Sicilie
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: lun, 13 ago 2018 11:20

Prosegue la raccolta dagli alberi davanti casa.

Sto snocciolando da giorni, quest'anno sono tante e molto grandi.

Dovrò fare un po' crema di nocciole
(la "nutella", quella vera, che mi faceva mia madre quand'ero piccolo)

Immagine

Immagine. Immagine
Kernel Panic
Software Expert Gold
Software Expert Gold
Avatar utente
Iscritto il: sab, 08 gen 2011 14:03
Messaggi: 24119
Località: Sicilia
Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: lun, 13 ago 2018 16:10

faxus ha scritto:
lun, 13 ago 2018 11:20
Prosegue la raccolta dagli alberi davanti casa......
I proprietari degli alberi lo sanno?
faxus
Pro-Expert 
Pro-Expert 
Avatar utente
Iscritto il: lun, 02 giu 2014 15:12
Messaggi: 24945
Località: Due Sicilie
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Re: Cosa cucino oggi? - idee e trucchetti culinari -

Messaggio Inviato: lun, 13 ago 2018 16:21

Kernel Panic ha scritto:
lun, 13 ago 2018 16:10
I proprietari degli alberi lo sanno?
Luigi, il proprietario della casa dove abito è anche proprietario degli alberi.

Ha avuto la prima cassettina.
Solo perché anche a lui piacciono col gusto erbaceo che hanno le prime settimane.

Ma non le ha mai raccolte, è una fatica, le tiene come piante da ombra per l'estate.
Un suo vecchio amico ha una coltivazione e ne raccoglie a tonnellate.
E gliele regala già raccolte insieme ad altra frutta secca...

Quindi le raccolgo io tutte.
Lui ogni tanto passa la sera a fare due chiacchiere, e ci sgranocchiamo due nocciole insieme
Rispondi