Silvia Gallerano/Cristian Ceresoli “La Merda”, 7/4/2016 ROMA

Qui trovate tutto quanto si esprima con le note, le parole o le immagini.

Moderatore: ModiMaccanici

Rispondi
Peppiniello
Expert
Expert
Avatar utente
Iscritto il: mar, 21 set 2010 19:04
Messaggi: 1905
Località: Pescara
Contatta:

Top

Oggetto del messaggio: Silvia Gallerano/Cristian Ceresoli “La Merda”, 7/4/2016 ROMA

Messaggio Inviato: lun, 04 apr 2016 06:04

iMaccanici romani e dei dintorni, non perdetevelo, un evento unico! Sentite ammè!!!

http://www.auditorium.com/eventi/ricerc ... EV_6023570" onclick="window.open(this.href);return false;

Alla piccola (purtroppo! ... Quindi affrettatevi per i biglietti...) Sala Petrassi dell'Auditorium Parco della Musica di Roma, Giovedì 7 Aprile 2016 pv., ore 21, questo spettacolo di una attrice e performer eccezionale, Silvia Gallerano

Immagine

vi copio dalla pagina su linkata:
Silvia Gallerano
in La Merda
di Cristian Ceresoli

Fringe First Award 2012 For Writing Excellence
The Stage Award 2012 For Acting Excellence
Arches Brick Award 2012 For Emerging Art
Total Theatre Award 2012 (Nomination) For Innovation
Premio Della Critica 2012 Anct Miglior Spettacolo
Journalists’ Jury Award Giovani Realtà Del Teatro
Audience Award Giovani Realtà Del Teatro
Edinburgh Fringe Sell Out Show 2012 And 2013

una produzione Frida Kahlo Productions con Richard Jordan Productions, Produzioni Fuorivia
in collaborazione con Summerhall (Edinburgh) e Teatro Valle Occupato (Rome)
produzione Esecutiva & Tour Managing Nicole Calligaris
ufficio stampa & Grafica Marco Pavanelli
tecnico Giorgio Gaglian


Dopo aver vinto l’oscar del teatro europeo e registrato un enorme successo di pubblico e critica in tutto il mondo, il poetico flusso di coscienza sulla condizione umana, il clamoroso fenomeno che ha da tempo rotto i confini del teatro e che viene ormai accolto quasi fosse un concerto rock, ritorna a Roma per l’ultima volta, nonostante una sottile e persistente censura.
L’opera che ha scioccato e meravigliato il mondo al Festival di Edimburgo 2012 vincendo, tra gli altri, il Fringe First Award for Writing Excellence per la scrittura a Cristian Ceresoli, il The Stage Award for Acting Excellence per l’interpretazione a Silvia Gallerano e l’Arches Brick Award for Emerging Art registrando il tutto esaurito sia nel 2012 che nel ritorno al festival del 2013, proseguendo con il clamoroso e scioccante successo di pubblico e critica in tutto il mondo, con Edimburgo, Copenhagen, Roma, Madrid, São Paulo, Milano, Glasgow, Berlino, Vilnius, Adelaide e il celeberrimo West End di Londra con quattro anni consecutivi di tutto esaurito, nonostante una sottile e persistente censura, in particolare in Italia.
Il “brutale, disturbante e umano” testo sulla condizione umana già tradotto e prodotto in numerose lingue di Cristian Ceresoli è stato considerato “straordinario” dal Times così come l’interpretazione “sublime e da strapparti la pelle di dosso” di Silvia Gallerano definita “straordinaria” dal Guardian. La Merda si manifesta come uno stream of consciousness dove si scatena la bulimica e rivoltante confidenza pubblica di una “giovane” donna “brutta” che tenta con ostinazione, resistenza e coraggio, di aprirsi un varco nella società delle Cosce e delle Libertà.
Un clamoroso fenomeno che ha da tempo rotto i confini del teatro e che viene seguito quasi come un concerto rock. Un poetico flusso di coscienza sulla condizione umana premiato fin dai suoi esordi, all’estero più che dentro i confini nazionali, dove per altro continua a inanellare straordinari successi di botteghino. L’opera di uno scrittore italiano (prodotta e portata in scena con enorme successo anche in Brasile, Danimarca e Grecia) interpretata da una attrice italiana in inglese, italiano e prossimamente anche in Francese, continua senza sosta a raccogliere recensioni entusiaste dai più importanti media internazionali.
La Merda ha come spinta propulsiva il disperato tentativo di districarsi da un pantano o fango, ultimi prodotti di quel genocidio culturale di cui scrisse e parlò Pier Paolo Pasolini all’affacciarsi della società dei consumi. Quel totalitarismo, secondo Pasolini, ancor più duro di quello fascista poiché capace di annientarci con dolcezza.

Photo by Valeria Tomasulo

Lo spettacolo prevede scene di nudo ed un linguaggio forte
- Peppiniello! ... Una pizza! ... Anzi, due!!! -
Rispondi